Chi è Gian Amedeo Goria, il figlio di Maria Teresa Ruta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:20
0
234

Gian Amedeo Goria è il figlio di Maria Teresa Ruta e del giornalista Amedeo Goria. Ecco chi è e cosa fa nella vita.

Gian Amedeo è il secondo figlio di Maria Teresa Ruta, avuto dal matrimonio con il giornalista Amedeo Goria. E’ lontano dal mondo della tv ma è stato più volte nominato all’interno della casa del Grande Fratello Vip dalla madre e dalla sorella maggiore Guenda.

Leggi anche -> Melissa Greta Marchetto: chi è il volto di Quelli che il calcio

Maria Teresa Ruta: “mio figlio si è chiuso nel suo mondo”

Gian Amedeo Goria nasce a Torino nel 1992. Non è di certo un personaggio noto, o forse lo è solo di riflesso: è il figlio, infatti, della showgirl Maria Teresa Ruta e del giornalista Amedeo Goria, e fratello di Guenda.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#con guenda e gianamedeo#s.margherita pula#12.8.17

Un post condiviso da Amedeo Goria (@amedeogoria) in data:

Amedeo studia al liceo classico e dopo il diploma inizia la Facoltà di Ingegneria Civile presso il Politecnico di Milano, dove si laurea nel 2015. Molto riservato, della sua vita, a parte queste poche informazioni, si sa ben poco. Quello che è certo è che ha scelto di non seguire le orme dei componenti della sua famiglia e di dedicarsi alle sue passioni.

In un’intervista di qualche tempo fa, la Ruta lo ha definito “un ragazzo d’oro ma che si è chiuso nel suo mondo“. Gian Amedeo, pare abbia sofferto molto la separazione dei suoi genitori, avvenuta nel 1999. Come abbiamo appreso dalle dichiarazioni di Guenda al Gf Vip, il secondogenito della coppia è stato cresciuto dalla sorella maggiore in assenza dei suoi genitori.

Maria Teresa Ruta e il figlio pare abbiano un rapporto molto sfuggente, anche se sono comunque molto legati: “Mio figlio sfugge da me ma sta bene. Il nostro rapporto è fantastico ma è lontanissimo da me. Non è il rapporto che io avevo con il mio papà”. La Ruta ha più volte ammesso di aver fatto molti errori con i suoi due figli: “Potevano venire su in un altro modo per come li ho fatti vivere! Sono stata incosciente e irrimediabilmente leggera. Io dovevo esserci di più per loro. Loro sono straordinari, ma la loro fragilità mi fa soffrire. Il mio lavoro mi ha distratto”.

Leggi anche -> Giorgio Panariello racconta il fratello Franco, morto a soli 50 anni