Daniela Rosati casta dal 2005: “Non mi pesa, era necessario”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:10
0
119

La vita privata di Daniela Rosati, l’ex moglie di Adriano Galliani è casta dal 2005 e motiva la sua scelta: “Non mi pesa, era necessario”.

(Franco Origlia/Getty Images)

La ricordiamo tutti perché a lungo è stata la moglie di Adriano Galliani: lei è Daniela Rosati, ex volto televisivo che oggi è ospite di Pomeriggio 5. Dal 2005, la donna è unita alla congregazione delle Suore Oblate dello Spirito Santo. Ha fatto così voto di castità. Ha raccontato questa esperienza in più occasioni. In un’intervista al Fatto Quotidiano ha rivelato: “All’inizio non ero contenta, anche perché all’epoca credevo di essere innamorata. Ma era necessario: dovevo scegliere e non è stato facile, ma nella vita tutto si può fare se si chiede aiuto a Dio. Il digiuno sessuale ora non mi pesa”.

Leggi anche: Simona Tagli, una scelta coraggiosa: “L’ho fatto per mia figlia Georgia”

Perché Daniela Rosati ha scelto di essere casta? La sua storia

L’ex donna di spettacolo nell’intervista spiega ancora: “Vivo di quello che ho guadagnato grazie al mio lavoro e di ciò che ho avuto durante la separazione da Galliani: però, a differenza di quanto scritto da certi giornali, dal 2003 non ricevo più alcun mantenimento. Concretamente, passo le giornate pregando, vivendo la comunità e partecipando a conferenze e incontri dove vengo invitata a parlare”. Daniela Rosati ha anche spiegato il perché si allontanò dalla tv: “Ho pagato il fatto di portare il crocefisso: sono stata minacciata, ricevetti telefonate violente perché non volevano che lo esibissi in tv”.

Il momento di svolta nella sua vita arriva nel 2005 quando entra nella chiesa di Santa Brigida, a Piazza Farnese: “Ero da sola e senza pensarci mi avvicinai a un’asse di legno, mi coprii gli occhi per non vedere l’osso di una reliquia: improvvisamente mi ritrovai in ginocchio, in posizione fetale e la mia parte mistica comprendeva che stava accadendo un fatto extra ordinario. Un cono di luce mi è penetrato nella testa e in quella luce lessi chiaramente la parola castità”. Fu il momento, quello che le cambiò la vita: “In quel momento è avvenuto il ritorno alla casa del padre”.