Danimarca, il coronavirus nei visoni potrebbe provocare conseguenze devastanti in tutto il mondo

0
656

Allarme in Danimarca i visoni “Trasmettono un ceppo mutato del coronavirus”. Il Paese prevede di abbatterne 17 milioni per contenere la diffusione di una forma mutata di Covid che può ridurre l’efficacia del vaccino.

Getty images

Il primo ministro danese Mette Frederiksen comunica che: “Il virus è mutato nei visoni e si è diffuso ad alcuni esseri umani. Può avere conseguenze devastanti in tutto il mondo”

La mutazione del virus trasmessa dai visone per ora ha colpito 12 persone, ma non sembra aver avuto effetti gravi su di loro. In realtà i rischi sono legati all’efficacia degli anticorpi umani, minacciando l’efficacia della realizzazione del vaccino contro il Covid-19.

ll Ministro della Sanità, Magnus Heunicke, ha aggiunto inoltre che la metà dei 783 casi di Covid-19 nel nord della Danimarca “sono legati” al visone.

Il ministro danese per l’Alimentazione, Mogens Jensen, ha riferito anche che 207 aziende sono state infettate, rispetto alle 41 del mese scorso, e la malattia si è diffusa in tutta la penisola occidentale dello Jutland.

L’abbattimento è iniziato alla fine del mese scorso, dopo che sono stati rilevati molti casi di visoni infetti. Dall’inizio della pandemia in Europa sono stati rilevati casi di coronavirus anche nei visoni d’allevamento di Paesi Bassi e Spagna.

Più di 50 milioni di visoni all’anno vengono allevati per la loro pelliccia, principalmente in Cina, Danimarca, Paesi Bassi e Polonia. Sono stati segnalati focolai negli allevamenti di animali da pelliccia in Paesi Bassi, Danimarca, Spagna, Svezia e Stati Uniti, e milioni di animali sono stati abbattuti. I visoni,sono noti per essere suscettibili al coronavirus e, come gli esseri umani, possono mostrare una serie di sintomi, fra cui anche la polmonite.

Al momento, però, sono in corso studi per scoprire come e perché i visoni siano stati in grado di diffondere l’infezione.

 

Potrebbe interessarti anche–> Covid visoni in Danimarca, allarme Oms: “Ora virus sembra mutato”