Duvan Zapata, la moglie Diana Montano: cosa sapere sulla loro storia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:20
0
122

La vita privata del forte attaccante dell’Atalanta, Duvan Zapata, la moglie Diana Montano: cosa sapere sulla loro storia, come si sono conosciuti.

(Instagram)

Lei è Diana Montano, moglie di Duvan Zapata, il bomber dell’Atalanta: stanno insieme da una decina di anni e hanno anche due figli, Dantzel e Dayton. I due si sono conosciuti quando Zapata giocava in Argentina e non fu semplice per il bomber fare gol nel cuore della donna. “Ci presentò un amico in comune a Cali quando giocava in Argentina” – ha raccontato la donna alla Gazzetta dello Sport – “Non ho mai seguito il calcio, rischiò quando disse: ‘Sai chi sono io?’. Risposta: ‘Allora, ciao!’. Poi cambiò approccio e funzionò. Fidanzamento e gravidanza, ma restai in Colombia per terminare gli studi”.

Leggi anche: GF Vip, Paolo Brosio fidanzato: avete mai visto Maria Laura?

Diana Montano e Duvan Zapata: storia di un amore

Prima di seguire il suo uomo prima al Napoli e poi all’Atalanta, Diana Montano ha infatti fatto una scelta precisa: ha voluto finire gli studi e laurearsi in psicologia. Anche in quanto a riservatezza, la donna sa il fatto suo: non ha un profilo Instagram pubblico, contrariamente a molte altre wags e le foto che abbiamo di lei vengono pubblicate da Duvan Zapata, che sul suo profilo dà molto spazio alla famiglia. La donna sembra molto contenta di essere a Bergamo: “Qui, all’inizio, sono un po’ diffidenti. Poi ti danno l’anima. Ci siamo totalmente inseriti, un’emozione questo entusiasmo attorno a noi”.

Diana Montano ci tiene a precisare infine di non essersi mai confrontata, durante la sua esperienza in Italia, con episodi di razzismo, sebbene non nega che ci possano essere. Lady Zapata ha infatti chiarito: “Esiste ovunque, servono tolleranza e rispetto. Per fortuna nessun episodio ci ha toccato, l’Italia è un Paese stupendo”. Sul futuro suo e del marito, infine, non fa previsioni, anche se lo immagina lontano dall’Italia, magari in Colombia, e vede suo marito come allenatore della fondazione da lui stesso creata.