Coronavirus, cinque regioni diventano zona arancione: tutti i dettagli

0
1704

Coronavirus, cinque regioni diventano zona arancione

Dpcm colori regioni

Come anticipato anche dalla Redazione di Cronaka12 da mercoledì 11 novembre, a causa della crescita della curva dei contagi da coronavirus Covid-19, cinque regioni italiane passeranno dalla zona gialla alla zona arancione. La notizia viene riferita, in maniera ufficiale, dal presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio. L’esponente di Fratelli d’Italia, di fatto, anticipa la nota ufficiale del Governo.

Coronavirus le regioni che passano in zona arancione

Marsilio riferisce, in una nota ufficiale, che il ministro della Salute Roberto Speranza lo ha messo a parte dell’informazione secondo la quale cinque regioni cambieranno destino. Nella serata sarà firmata l’ordinanza. Le regioni in questione sono l’Abruzzo “insieme ad altre quattro regioni, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria“.

Le ulteriori valutazioni

Da segnalare che, per l’analisi effettuata dalla cabina di regia per il monitoraggio della diffusione della pandemia, la provincia di Bolzano diventa zona rossa. Fonti vicine al Governo riferiscono, inoltre, che è in corso una ulteriore verifica dei dati epidemiologici. Tale verifica riguarda tutte le altre regioni d’Italia. La cabina di regia domani dedicherà l’intera sessione di studio alla Regione Campania. Il territorio guidato da Vincenzo De Luca. Secondo le informazioni in possesso alla nostra redazione la Campania dovrebbe passare da zona gialla a zona arancione. Notizia che però lo staff del governatore campano nega con forza.

Le regioni che restano in zona gialla

Segnaliamo che, secondo le indiscrezioni emerse nella mattina di oggi, 9 novembre, erano in corso severe valutazioni anche per le regioni Veneto ed Emilia-Romagna. Due regioni attualmente in zona gialla. Ma al momento per le amministrazioni guidate da Zaia e Bonaccini non sono previste modifiche. Ricordiamo, infine, che il passaggio dalla zona gialla a quella arancione rappresenta di fatto l’approdo ad un lockdown light. Alle restrizioni già esistenti, infatti, si aggiunge l’impossibilità di spostarsi da regione a regione e persino da comune a comune. Viene inoltre consigliato di non spostarsi anche all’interno dello stesso comune di residenza se non per comprovate esigenze.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Firmato il nuovo Dpcm Conte: le regioni d’Italia divise in tre fasce di colori