Max Felicitas, è davvero lui l’erede di Rocco Siffredi?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:55
0
400

All’università ha scoperto la passione per il cinema hard e oggi è diventato Max Felicitas, è davvero lui l’erede di Rocco Siffredi?

(screenshot video)

Stasera è protagonista in televisione di uno scherzo ordito dalle Iene all’ex calciatore dell’Inter, Riccardo Ferri, con la complicità di Marco, il modello e figlio dell’ex difensore nerazzurro. Lui è Max Felicitas e in molti lo considerano l’erede di Rocco Siffredi. Classe 1992, originario di Codroipo in provincia di Udine, l’attore ha scoperto la sua passione per il cinema hard all’università, complice anche l’incontro proprio con il pornodivo di Ortona.

Leggi anche: Marco Ferri fidanzato con l’ex di un calciatore dell’Inter

Cosa sappiamo di Max Felicitas, il principe del cinema hard

All’anagrafe Edoardo Barbares, espressione da nerd, Max Felicitas ha confessato di aver avuto non pochi problemi da ragazzo. A causa del suo fisico gracile, infatti, è stato spesso vittima di bullismo. Il cinema hard dunque per lui è anche un modo di riscattarsi dopo tutto quello che ha subito da ragazzino. Il ragazzo, studente modello, si è diplomato con ottimi voti al Liceo Scientifico e poi ha iniziato la facoltà di Economia Aziendale. Un anno dopo la svolta: inizia infatti la sua carriera da spogliarellista.

Una decisione davvero inattesa per quanti lo conoscevano. Protagonista di diverse interviste televisive a Avanti un altro, Grand Hotel Chiambretti, Live non è la D’Urso, E poi c’è Cattelan, ovunque ha spiegato la sua storia: la svolta a 21 anni, l’incontro con Rocco Siffredi, la carriera da attore, ma anche quella di cantante, con tre singoli che hanno avuto un discreto successo. Oggi ha decine di pellicole all’attivo, ma è anche un talent scout in ambito hard: due nomi su tutte, Martina Smeraldi e Lady Blue. Il suo fatturato? 15mila euro al mese, tasse pagate in Italia. Proprio sulla scelta di restare a pagare nel tasse nel suo Paese si è scontrato con il suo mentore, Rocco Siffredi, che “non ama sufficientemente l’Italia e dovrebbe tornarci per pagare le tasse”, ha attaccato in un’intervista.