Covid, Locatelli (Css): “Indice di contagio in calo ma sarà un Natale diverso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:17
0
121

Le nuove restrizioni del governo per il contenimento della seconda ondata fanno registrare buoni segnali, ma il presidente del Css Franco Locatelli invita a non abbassare la guardia.

Franco Locatelli Css
(screenshot video)

Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, è intervenuto questa mattina nel corso della conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio delle Regioni della Cabina di Regia. In merito alla situazione epidemiologica del Paese arrivano segnali positivi.

Locatelli ha spiegato che, grazie alle misure restrittive individuate dal governo, stiamo assistendo a un’evidente frenata della curva di trasmissibilità del virus. Secondo i dati presentati, la giornata di ieri è stata la quarta consecutiva a registrare un calo dei ricoveri in terapia intensiva: in ordine di tempo gli accessi sono stati infatti 122, 110, 89 e 60.

“Questo significa che il sistema messo a punto, con la diversificazione delle misure e le tre fasce, sta portando i suoi risultati e permette di riuscire a gestire una situazione che rimane critica, ma rispetto alla quale si inizia a vedere una chiara decelerazione”, ha spiegato il presidente del Consiglio Superiore di Sanità.

Ti potrebbe interessare anche -> Vercelli, sono in sette per una festa in casa: scatta la multa

Locatelli: “A Natale vietato vanificare gli sforzi”

Il periodo festivo è sempre più vicino e gli italiani iniziano a chiedersi in che modo potranno festeggiare il Natale 2020. Pur essendo in calo l’indice Rt, come emerso durante la conferenza stampa, Franco Locatelli invita tutti a mantenere alta l’attenzione per non vanificare gli sforzi messi in atto finora.

“L’auspicio è di arrivare al 25 dicembre con un’abbassamento della curva dei contagi – ha commentato il presidente del Consiglio Superiore di Sanità – Non possiamo però pensare che i festeggiamenti saranno come quelli a cui eravamo abituati prima del coronavirus”. Si prevede quindi un periodo natalizio dal sapore diverso, accompagnato da misure restrittive che non possono essere messe da parte: “Andranno tenute ben presenti tutte le misure di attenzione e di responsabilità individuale. Dimenticare gli sforzi fatti significherebbe fare un errore madornale che ci farebbe ripiombare in una situazione complicata”.

Ti potrebbe interessare anche -> Natale con lockdown: il piano del Governo per salvare cenone e Messa