Spesa fuori dal Comune per risparmiare: il governo dice “sì”

0
846

Aggiornata la Faq sugli spostamenti in un Comune diverso per fare la spesa nei supermercati di maggiore convenienza. 

spesa fuori comune
Foto di Alexas_Fotos da Pixabay

Se fino a qualche ora fa chi viveva in zona rossa era obbligato a fare la spesa nel proprio Comune di residenza, adesso non lo è più. Il governo ha modificato sul proprio sito la Faq relativa agli spostamenti tra Comuni, dando di fatto il permesso di spostarsi anche nei supermercati più distanti, purché lo si faccia per risparmiare. Molti italiani finora sono stati infatti impossibilitati a recarsi nei discount più convenienti per via del divieto di spostamento.

Nel sito del governo viene precisato che fare la spesa rientra sempre tra le cause giustificative degli spostamenti: “Laddove il proprio Comune non disponga di punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica, di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito”. Sarà comunque obbligatorio portare sempre con sé l’autocertificazione.

Ti potrebbe interessare anche -> “Covid in Italia da settembre 2019”: lo studio dell’Istituto Tumori Milano

Spesa in un comune diverso: Versilia apripista

A segnalare al governo l’imprecisione nella pagina dedicata alle domande frequenti, sono stati per primi i sindaci della Versilia. Nel fine settimana, durante una riunione, è emersa infatti la volontà di inoltrare una richiesta di modifica della Faq relativa agli spostamenti tra Comuni. Una questione che già nel corso del primo lockdown aveva portato a galla dei dubbi interpretativi.

La richiesta è stata accolta e ora, anche chi vive in una zona rossa, per motivi di risparmio economico potrà fare la spesa nel discount di un altro Comune. Ad annunciare la novità è stato il sindaco di Forte dei Marmi Bruno Murzi, definendola una buona notizia per tutte le persone che hanno tale necessità.

Ti potrebbe interessare anche -> Milano, negazionista Covid prende a calci ambulanza: “Siete terroristi”