Carlo Verdone, chi è il fratello Luca: carriera e curiosità

0
739

La vita privata del grande attore e regista Carlo Verdone, chi è il fratello Luca: carriera e curiosità sul “meno noto” della famiglia.

(Ernesto Ruscio/Getty Images)

Figlio d’arte, suo papà è il critico cinematografico Mario Verdone, Luca Verdone, romano classe 1953, è il fratello minore e meno famoso di Carlo Verdone. I due hanno una sorella, Silvia Verdone, che è una produttrice cinematografica, nonché la moglie dell’attore Christian De Sica, dal cui matrimonio nascono i figli Brando e Maria Rosa. Il quadretto artistico-familiare, insomma, è vasto e assortito e Luca Verdone ne testimonia proprio l’eterogeneità.

Leggi anche: Stefano Natale: chi è la ‘voce’ dell’attore e regista Carlo Verdone

Cosa sapere su Luca Verdone, fratello di Carlo

Se infatti il fratello Carlo e il cognato Christian sono i “disimpegnati” che si dedicano alla commedia all’italiana in tutte le sue sfumature, lui è l’impegnato della famiglia, laureato in lettere con una tesi in Storia dell’Arte Moderna, e autore – a partire dai primi anni Settanta – di documentari e programmi televisivi. Anche lui, in realtà, ha proprio a seguire con risultati non esaltanti il filone della commedia all’italiana. Il suo esordio in questo contesto è a metà anni Ottanta con 7 chili in 7 giorni, interpretato dal fratello Carlo, Renato Pozzetto e altri, tra cui Elena Fabrizi.

Nel 1990, esce poi La bocca, con protagonisti Tahnee Welch e Rodney Harvey. La pellicola ottiene anche una nomination al David di Donatello come Migliore attrice non protagonista ad Alida Valli. Nel 2002, ha girato il film drammatico Il piacere di piacere, interpretato da Antonio Liskova. Nel 2006 gira La meravigliosa avventura di Antonio Franconi, film storico con protagonista principale Massimo Ranieri e uscito nelle sale solo nel 2011. Tra i suoi lavori più recenti, il cortometraggio Il miracolo di Sant’Oronzo, premiato a Lecce con Lù Mière Calicidicinema, per la sensibilità dimostrata verso il territorio. Attualmente è consulente artistico della Fondazione Museo Alberto Sordi. Proprio al grande attore, lui e il fratello Carlo dedicano nel 2013 il documentario Alberto il grande.