Rossella Brescia, il marito nella bufera per tweet sul Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:26
0
153

La conduttrice tv e radio Rossella Brescia e il marito Luciano Cannito che finisce nella bufera per una serie di tweet sul Coronavirus.

(screenshot video)

Polemiche su Luciano Cannito, regista e coreografo, noto anche per essere il marito di Rossella Brescia, conduttrice radiofonica e televisiva di successo. Tutta colpa di una serie di tweet con delle riflessioni sul Coronavirus, che vengono bollate come “negazioniste”. Scrive il marito della Brescia: “Le vere democrazie tranquillizzano i cittadini e li fanno sentire al sicuro. Le dittature invece terrorizzano i cittadini per non farli sentire al sicuro ed aver bisogno di chi li protegga. Studiato a 5 anni…”. Poi insiste: “La paura della morte sta seppellendo la vita. E moriremo comunque”.

Leggi anche: Coronavirus, Ornella Vanoni è guarita: “Sono rinata”. E arriva una sorpresa

Coronavirus, cosa ha detto Luciano Cannito marito di Rossella Brescia

I tweet che però stanno facendo più scalpore sono i più recenti: prima accusa i media di seminare paura, poi sottolinea come il Coronavirus non sarebbe così pericoloso come viene descritto. Ecco il primo tweet: “Non ho letto (ma forse mi sono sfuggite) le notizie in prima pagina della guarigione di tutti i vip guariti dal Covid (tutti), dopo che per giorni ci avevano soggiornato con foto, selfie, lacrime e in alcuni casi disperazioni apocalittiche per il loro contagio”. La seconda riflessione di giornata era: “Covid come incidenti aerei: ne parlano tutti, fanno paura a tutti, prime pagine di giornali e telegiornali. Eppure i dati numerici reali provano che sono infinitamente meno pericolosi degli incidenti stradali che invece fanno migliaia di morti al giorno…”.

Molto clamore ha fatto infine un tweet di qualche ora fa, che ha provocato centinaia di reazioni indignate e una discussione social: “Trump, Berlusconi, Johnson, Totti, Blasi, Ronaldo, Pellegrini, Scotti, Mancini, Conti, Maionchi, Hunziker, Zilli, Raggi, ecc. Tutti malati di Covid con titoloni di giornali per dimostrare pericolosità. Tutti guariti. Economia massacrata, libertà annullate per una malattia con guarigione 99,5%?”. Il primo a replicargli è Rudy Zerbi: “Twitter dà la possibilità di cancellare i tweet pubblicati. In questo caso ci farei un pensierino Luciano, te lo dico con grande stima e affetto”. Selvaggia Lucarelli ironizza: “Con Sepulveda la cosa è scappata di mano”. Invece, la modella curvy Elisa D’Ospina contesta: “Ti conoscevo per il ballo non come virologo”.