Vincent Reffet: la promessa del BASE jumping è morto in un tragico incidente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:19
0
201

L’atleta francese è morto in un tragico incidente durante un allenamento a Dubai. Aveva 36 anni.

Lo stuntman francese Vincent Reffet, classe 1984, è morto durante un’esercitazione a Dubai. Al momento non si conoscono ulteriori dettagli sulla sua morte, tranne il fatto che l’atleta avrebbe perso la vita in seguito ad un tragico incidente.

Leggi anche -> Bosnia-Italia, dove vederla. Azzurri in campo per il primo posto

Vincent Reffet, morto in un tragico incidente a Dubai

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vince Reffet (@vincereffet)

Vincent Reffet era una delle maggiori promesse del BASE jumping, uno sport estremo e tra i più pericolosi al mondo che consiste nel lanciarsi nel vuoto con tute e attrezzature particolari da altezze vertiginose.

Secondo una fonte che ha lanciato la notizia, il “jetman” avrebbe perso la vita a Dubai, dove si trovava per un allenamento, tuttavia non sono stati forniti ulteriori dettagli sulle cause dell’incidente. “Vince era un atleta di grande talento e un membro molto amato e rispettato della nostra squadra”, ha dichiarato un compagno di avventura alla BBC. “I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con la sua famiglia e con tutti coloro che lo conoscevano e che hanno lavorato con lui” si legge nell’articolo.

Reffet ha ereditato la passione del vuoto dai suoi genitori, entrambi paracadutisti. Nel corso della sua carriera ha avuto il privilegio di lanciarsi anche dall’edificio più alto del mondo, il Burj Khalifa. Divenne famoso per i suoi voli con il Jetman Dubai, creato dal pilota svizzero Yves Rossy, anche lui conosciuto come “Jetman”. L’equipaggiamento di Rossy permette ai piloti del gruppo di volare a velocità fino a 402 km/h.

Reffet era solito condividere le sue acrobazie sul mondo dei social, tanto che alcuni suoi video erano diventati letteralmente virali, come quello in cui è saltato da una montagna e da un aereo in movimento con l’amico e collega anch’egli francese Fred Fugen.