Coronavirus, Crisanti non si fida di Pfizer: “Non farò il vaccino a gennaio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:50
0
265

Coronavirus, Crisanti non si fida: “Non farò il vaccino Pfizer”

Vaccino coronavirus Pfizer Crisanti

Una secchiata di acqua gelata, anzi ghiacciata, arriva sul viso dei più ottimisti rispetto all’efficacia del vaccino contro il coronavirus Covid-19 di Pfizer e Astrazeneca, la secchiata la lancia la figura che non ti aspetti, il Professor Andrea Crisanti il noto, suo malgrado, direttore del Dipartimento di Microbiologia e Virologia dell’Università di Padova. Vediamo perché.

L’intervista a Focus Live

“Se dovesse arrivare a gennaio io il vaccino non lo farei” letto, sottoscritto e approvato dall’accademico e divulgatore scientifico italiano in un’intervista rilasciata a Focus Live, il festival della divulgazione scientifica della rivista “Focus”, al Museo Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.

Non è negazionismo

Non è la frase di un negazionista o, peggio ancora, di un NO-Vax, non è la discettazione di un virologo da tastiera, anche se Crisanti virologo non è, ma di uno dei maggiori e più ascoltati esperti della materia che in questo 2020 ha sconvolto le nostre vite. Ma il Professor Andrea Crisanti non è impazzito di colpo e argomenta nel dettaglio le sue affermazioni.

Coronavirus Cristanti non si fida dei test del vaccino Pfizer

Crisanti definisce i test della Pfizer e di Astrazeneca “una scorciatoia” e lo dice proprio un esperto che aveva previsto l’arrivo del vaccino addirittura con un mese di anticipo rispetto a quanto rivelato del premier Conte. “Normalmente – sottolinea Crisanti – ci vogliono dai 5 agli 8 anni per produrre un vaccino”. E afferma senza mezzi termini “senza dati a disposizione, io non farei il primo vaccino”. Una botta netta e secca alla dosi in arrivo subito dopo l’Epifania. “Vorrei essere sicuro che questo vaccino” timbra con chiarezza.

Le aziende farmaceutiche hanno corso troppo

Tradotto in parole povere significa che, secondo Crisanti, le aziende farmaceutiche che stanno immettendo sul mercato le prime cure sul coronavirus potrebbero non aver opportunamente testato il prodotto. Crisanti, inoltre, teme che i test fatti da Pfizer e Astrazeneca non soddisfino  tutti i criteri di sicurezza ed efficacia. “Ne ho diritto come cittadinochiosa Crisantie non sono disposto ad accettare scorciatoie”.

Vaccino coronavirus Pfizer: Crisanti Si-Vax

Crisanti però ci tiene a non passare per No-Vax. “Sono favorevolissimo ai vaccini – continua nell’intervista a Focus Livema questi di Pfizer e Moderna hanno saltato la normale sequenza di lavorazione”. E spiega che: “Facendo Fase 1, Fase 2 e Fase 3 in parallelo si porta dietro tutti i problemi delle varie fasi senza risolverli a pieno”

Le implicazioni politiche

L’intervista non mancherà di avere un grosso risalto, soprattutto sul versante politico. L’Italia, infatti, ha prenotato 40 milioni di dosi di vaccino dalla Pfizer e 70 milioni di dosi di vaccino da Astrazeneca. Sull’efficacia del prodotto Giuseppe Conte e Roberto Speranza hanno fatto davvero all-in. A questo punto non resta che aspettare subito dopo le Feste quando le prime dosi saranno somministrate.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Coronavirus, a gennaio vaccino Pfizer negli ospedali: i dati della distribuzione