Juventus-Cagliari 2-0, doppietta del solito Ronaldo: Tabellino e Highlights

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:46
0
152

Implacabile il portoghese nel riportare i bianconeri alla vittoria

Juventus-Cagliari: Tabellino e Highlights

Juventus-Cagliari 2-0, Cronaca, Tabellino e Highlights

Juventus-Cagliiari Tabellino e Highlights – Per tornare a conquistare la vittoria in Serie A, all’Allianz Stadium Andrea Pirlo rivoluziona la formazione bianconera rispetto alle attese della vigilia. L’allenatore della Juventus sceglie il 4-4-2 con la coppia Ronaldo-Morata supportata da Kulusevski e Bernardeschi come ali. Il ritorno di De Ligt si sente subito nella solidità difensiva ritrovata dai padroni di casa perché il Cagliari, pur decimato nella sua rosa tra Covid-19 e infortuni vari, parte subito forte e con vivacità, soprattutto con il suo fantasista Joao Pedro. Un paio di spunti per i rossoblù ma all’11’ arriva subito la prima occasione per la Juventus. Bernardeschi mette il pallone in porta, ma il suo gol viene annullato per fuorigioco. Fino alla mezz’ora la Juventus prova a creare gioco, ma il Cagliari è molto accorto a coprire tutti gli spazi con grande spirito di abnegazione. Nonostante l’opposizione rossoblù, anche se stasera in divisa gialla, ci prova Kulusevski con un tiro mancino di interno a giro dal limite, ma la palla viaggia verso il fondo a un metro dal secondo palo di Cragno.

Vantaggio e raddoppio CR7

Per sbloccare il risultato, quasi al termine della prima frazione, ci pensa Cristiano Ronaldo, come prevedibile. A difesa schierata Morata scarica a lui il pallone e il portoghese con due tocchi nasconde il pallone ai sardi e piazza il pallone sul lato lontano della porta. Un tiro imparabile per Cragno che vale il vantaggio bianconero. Da questo momento i padroni di casa riusciranno a giocare con molta più scioltezza, fino a quando al 42′ non sarà sempre CR7 a raddoppiare con una deviazione a due passi dalla porta, ma meno facile di quanto non possa sembrare.

La ripresa

Secondo tempo sulla falsa riga del primo. Il Cagliari prova a ripartire, con due ammoniti fra i bianconeri in meno di un minuto (Danilo e Arthur), ma è la Juventus a rendersi pericolosa sui calci piazzati grazie all’altezza dei suoi uomini in campo, per esempio con la traversa di Demiral. Il secondo tempo scorre per larghi tratti con il dominio bianconero. Gli ospiti non giocano male, ma non trovano il modo di mettere in difficoltà la Juventus. Troppe le assenze, troppa la stanchezza dopo il periodo di stop, tra viaggi per le nazionali e una formazione reinventata. Stesso copione anche con l’ingresso di McKennie e Dybala a metà ripresa. Nel recupero un tiro di Bernardeschi, partito dalla fascia destra,  ma la traiettoria si spegne tra le mani di Cragno. 

Segnali di crescita

Non era un test o una sfida decisiva per la stagione, ma tornare ai tre punti per la Juventus era estremamente importante. La squadra di Pirlo ritrova ritmo di gioco e mostra ulteriori segnali di crescita. In campionato forse per la prima volta quest’anno non solo vince, ma riesce anche a convincere, ripartendo nella corsa al decimo scudetto consecutivo. Ora la Champions League, mentre il Cagliari si concentrerà soprattutto di ritrovare i titolari. Alcuni calciatori, Godin e Nandez su tutti, sono ormai troppo importanti per Di Francesco. Fondamentali per tornare a raccogliere punti in Serie A.

—>>> Ti potrebbe interessare anche: Alex Zanardi trasferito all’ospedale di Padova

Segui la Serie A su Twitter

Juventus-Cagliari: Tabellino ed Highlights

Reti: Ronaldo 38′, Ronaldo 42′

Juventus (4-4-2): Buffon, Danilo (Alex Sandro 86′), De Ligt, Demiral, Cuadrado, Kulusevski (Chiesa 86′), Rabiot (McKennie 69′), Arthur (Bentancur 85′), Bernardeschi, Ronaldo, Morata (Dybala 69′).
Allenatore: Andrea Pirlo

Cagliari (4-2-3-1): Cragno, Pisacane, Klavan (Carboni 70′), Walukiewicz, Zappa, Marin (Caligara 71′), Rog, Tripaldelli (Sottil 46′), Joao Pedro, Ounas (oliva 81′), Simeone (Pavoletti 81′).
Allenatore: Eusebio Di Francesco

Arbitro: Fabio Maresca
Ammoniti: Rabiot, Tripaldelli, Danilo, Arthur, Sottil
Espulsi:

Qui gli Highlights