Ugo Tognazzi, il figlio ‘segreto’ Thomas: “Conosciuto a 7 anni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:46
0
69

La vita privata del grande attore Ugo Tognazzi, il figlio ‘segreto’ Thomas: “Conosciuto a 7 anni”, il rapporto tra i due, chi è la madre.

(Sebastien Nogier – Pool/Getty Images)

Classe 1964, Thomas Robsahm, produttore e regista norvegese, è il meno noto dei figli di Ugo Tognazzi: se tutto infatti sappiamo di Ricky, Gianmarco e Maria Sole, lui è sempre stato più distante. Peraltro porta il cognome di sua madre, l’attrice Margarete Robsahm, che suo padre conobbe al Festival di Cannes nel 1961. Sposato con la sceneggiatrice e attrice Silje Holtet, ha realizzato alcuni cortometraggi e prodotto diversi film. Tra questi, in particolare, è il produttore delle pellicole di Joachim Trier, Segreti di Famiglia nel 2015 e Thelma nel 2017.

Leggi anche: Noemi Gherrero, Prima che sia troppo tardi: chi è la conduttrice

Chi è Thomas Robsahm, figlio di Ugo Tognazzi: il loro rapporto

Quando nasce Thomas Robsahm, Ugo Tognazzi e Margarete sono sposati da un anno circa: la coppia vive di fatto una relazione a distanza, lui sempre o quasi in Italia per motivi di lavoro e lei in Norvegia sua nazione d’origine. Poco dopo la nascita del figlio, il matrimonio va in crisi. Poco dopo, l’attore conosce la collega attrice Franca Bettoja, che poi sposerà nei primi anni Settanta e che è la madre di Gianmarco, classe 1967, e Maria Sole, nata nel 1971. Ricky Tognazzi, primogenito dell’attore, è nato nel 1955 dalla relazione tra il padre e la ballerina Pat O’Hara.

In un’intervista, il secondogenito di Ugo Tognazzi ha raccontato del primo incontro col padre di cui ha memoria: “Papà l’ho incontrato per la prima volta quando avevo sette anni. In verità l’avevo incontrato anche prima, ma naturalmente non potevo ricordarmi visto che avevo due anni. Dopo il divorzio, Margarete, mia madre si era risposata e aveva avuto una bambina, ma io non ho saputo di avere un padre diverso da quello di mia sorella sino ai sei anni”. Riguardo ai ricordi sul padre, spiega: “Lui non era uno di quei padri che cambia i pannolini o cose del genere. Quando non lavorava stava molto spesso in cucina. A parte con Ricky, del resto, non era neanche uno che parlava moltissimo con in suoi figli”.