Morto Patrick Quinn: creò la Ice Bucket Challenge

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:12
0
1724

Grave lutto, morto Patrick Quinn: creò la campagna di raccolta fondi Ice Bucket Challenge per combattere le malattie neurodegenerative.

(screenshot video)

Patrick Quinn, la cui battaglia personale contro la malattia di Lou Gehrig ha contribuito a potenziare la campagna di raccolta fondi Ice Bucket Challenge, è morto all’età di 37 anni. Il giovane uomo ha contribuito a portare avanti il fenomeno globale noto come Ice Bucket Challenge per raccogliere fondi contro una malattia neurodegenerativa mortale. Sette anni fa, l’attivista aveva scoperto la malattia e da allora aveva portato avanti una battaglia, che si è conclusa tragicamente nelle scorse ore.

Leggi anche: Giovane promessa del ring morto di Coronavirus a 19 anni

Chi era Patrick Quinn: la sua storia ha commosso il mondo

“È con grande tristezza che dobbiamo condividere la scomparsa di Patrick questa mattina presto”, ha scritto il suo team domenica in un post nel gruppo Facebook di Quinn per la lotta alla SLA, Quinn for the Win. Il post prosegue: “Lo ricorderemo sempre per la sua ispirazione e il suo coraggio nella sua instancabile lotta contro la SLA”. In realtà, Patrick Quinn non ha avviato la Ice Bucket Challenge, che ha preso d’assalto i social media nel 2014, ma lui, la sua famiglia e gli amici hanno contribuito a farla diventare un fenomeno globale. Come noto, milioni di persone hanno accettato la sfida, che prevedeva di bagnarsi con un secchio di acqua ghiacciata e pubblicare il video online, prima di fare una donazione alla ricerca medica e sfidare altri a fare lo stesso.

Molte celebrità come noto hanno partecipato a livello internazionale alla sfida, tra queste Tom Cruise, Steven Spielberg, Bill Gates e persino l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush. Anche in Italia la sfida aveva ottenuto molto seguito. La campagna ha raccolto 220 milioni di dollari per finanziare la ricerca sulla SLA. I sostenitori dell’associazione creata da Patrick Quinn sottolineano: “Pat ha combattuto la SLA con positività e coraggio e ha ispirato tutto intorno a lui. Quelli di noi che lo hanno conosciuto sono devastati ma grati per tutto ciò che ha fatto”. La malattia dalla quale era affetto il noto attivista è anche nota come malattia di Lou Gehrig, dal nome di un famoso giocatore di baseball americano che morì nel 1941.