Morto Papa Boupa Diop, primo marcatore del Senegal nella storia dei Mondiali

0
697

L’ex calciatore senegalese Papa Boupa Diop è morto a 42 anni dopo aver lottato per lungo tempo con una malattia.

papa boupa diop
Louisa Gouliamaki/EuroFootball/Getty Images

Il mondo del calcio piange Papa Boupa Diop. L’ex centrocampista senegalese è morto ieri, sabato 29 novembre, a soli 42 anni in seguito a una malattia incurabile contro cui lottava da tempo. Il prossimo 28 gennaio avrebbe compiuto 43 anni. In occasione della Coppa del Mondo del 2002 giocata tra Corea e Giappone divenne la stella del Senegal.

Ti potrebbe interessare anche -> Atletica, Larissa Iapichino: “Emozionata per gli Europei 2024 che si terranno a Roma”

La carriera di Papa Boupa Diop

Papa Boupa Diop era nato a Dakar, in Senegal, nel 1978. Cresciuto nelle giovanili dell’Espoir Dakar, a 19 anni si trasferì in Svizzera al Neuchâtel Xamax, diventando il calciatore più giovane di sempre del club. Nel 2000 venne poi acquistato dal Grasshoppers, con cui vinse campionato e coppa. Nel 2002 si trasferì in Francia, al Lens, riuscendo a sconfiggere il futuro Milan campione d’Europa nella fase a gironi di Champions League.

Nel 2004 iniziò una nuova avventura in Inghilterra passando al Fulham, con un gol al debutto contro il Manchester United. Nella stagione 2006-2007 arrivo a ricoprire il ruolo di capitano. Nei successivi cinque anni cambiò squadra per altre quattro volte, giocando tra Portsmouth, Aek Atene, West Ham e Birgmingham. Si ritirò dal calcio nel gennaio del 2013.

Diop divenne l’eroe del Senegal nel corso del campionato mondiale del 2002, quando segnò il primo gol della sua nazionale nella storia dei Mondiali, in occasione della sfida d’esordio contro la Francia (vinta 1-0). Quella squadra, guidata dal ct Bruno Metsu, riuscì ad arrivare fino ai quarti di finale, dove venne sconfitta dalla Turchia. In quello stesso anno fu perfino inserito nella lista per il Pallone D’Oro.

Ti potrebbe interessare anche -> Il dramma di Alessia Trost: “Ero bulimica, i 2 metri sono arrivati troppo presto”