Covid, comico muore dopo aver documentato la sua esperienza con il virus

0
685

“Il Covid non è uno scherzo”: due giorni prima di morire il comico di Los Angeles Joe Luna aveva avvertito della pericolosità del coronavirus. 

joe luna
(Instagram)

Un comico di Los Angeles, Joe Luna, conosciuto anche con il nome d’arte “Joe El Cholo”, è morto due giorni dopo aver iniziato a raccontare sui social la sua esperienza con il Covid. L’uomo, che aveva solo 38 anni, era stato ricoverato al Victor Valley Global Medical Center poco dopo aver contratto il virus ed è morto il 23 novembre.

Tutta la sua famiglia era stata contagiata dal coronavirus, ma ad avere la peggio è stato il comico. Secondo il figlio di Joe Luna, Jose Tavalera, l’uomo è stato colpito più gravemente a causa del momento difficile che stava già attraversando per via di precedenti problemi di salute. “Tutti noi tossivamo e starnutivamo – ha spiegato il figlio – ma era come se i suoi polmoni lo facessero soffrire di più”.

Ti potrebbe interessare anche -> Covid, vaccino Moderna: “Efficace al 100% nei casi più gravi”

Il racconto del comico Joe Luna prima di morire a causa del Covid

Il 21 novembre, due giorni prima di morire, Joe Luna aveva iniziato a documentare su Instagram la sua esperienza con il Covid pubblicando un video di 35 minuti. “Se pensate che il Covid sia uno scherzo – aveva detto il comico di Los Angeles – se pensate che non toccherà a voi, allora fidatevi di me: il virus colpisce tutti in modo diverso”.

Luna, spiegando di dover combattere per restare in vita, ha ammesso che prima di essere contagiato dubitava che il coronavirus potesse davvero essere così brutale. Il comico aveva voluto condividere la sua storia con i suoi followers per sottolineare la gravità della malattia a chi ancora era scettico. Il video sarebbe dovuto essere solo il primo di una lunga serie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JOE LUNA (@joeelcholo)

Ti potrebbe interessare anche -> Covid, allarme Ema: “Rischio suicidio per chi usa l’idrossiclorochina”