Marcus Thuram, chi è il figlio d’arte attaccante del Borussia M’gladbach

0
474

Marcus Thuram è il figlio di Lilian, ex difensore francese del Parma e della Juventus che staserà sarà avversario dell’Inter in Champions

Marcus Thuram
Getty Images

Sta stupendo nella Bundesliga tedesca e sta facendo bene anche in Champions League. Marcus Thuram è francese come il padre ma è nato in Italia, Parma, quando Lilian vestiva la maglia degli emiliani nel 1997, difendendo come in pochi in Europa facevano.

Oggi Marcus sta facendo le fortune del Borussia Monchengladbach che stasera alle 21.00 scenderà in campo contro l’Inter in una gara importantissima per il passaggio agli ottavi di finale.

Veste la maglia del club tedesco dalla scorsa stagione. In trentuno gare andò a segno dieci volte fornendo ben otto assist. Quest’anno in campionato è sceso in campo nove volte e ha siglato due reti con un assist.

I numeri in Champions neanche sono male: quattro presenze due marcature. Quest’anno dopo la trafila delle giovanili della Nazionale francese, dall’Under 17 all’Under 21, è entrato nel giro della Nazionale maggiore, giocando tre partite ma manca ancora il gol.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Borussia-Inter, dove vederla. Ultima chiamata per i nerazzurri

Marcus Thuram, la carriera del giovane calciatore

L’attuale esperienza è la prima all’estero. Il ragazzo ha sempre giocato in Francia, cambiando già varie squadre. Dal settore giovanile dello Jugend passò a quello dello Sochaux dov’è rimasto per tre stagioni. Nel luglio 2017 si trasferì allo Guingamp per poi essere acquistato dai tedeschi.

Visto il talento del giovane su di lui ci sono già tante voci di mercato. C’è l’interessamento proprio della Juve, l’ex squadra del padre, ma anche il Milan. In estate il suo nome era stato affiancato anche a quello della Fiorentina. Non solo Italia per lui ma anche Premier: anche il City voleva formulare una proposta al Borussia che ha legato Thuram a sé fino al 2023.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Atalanta-Midtjylland, dove vederla. Dea a caccia degli ottavi