Multa di 400 euro per Bebe Vio: era al bar con gli amici dopo il coprifuoco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:05
0
281

L’atleta paralimpica Bebe Vio è stata multata per aver violato le disposizioni anti Covid legate al coprifuoco.

bebe vio
Photo by Paolo Bruno/Getty Images

Lo scorso fine settimana Bebe Vio è stata sanzionata dai carabinieri con 400 euro di multa. La campionessa paralimipica di scherma ha violato l’orario del coprifuoco imposto dal governo per il contenimento dei contagi e l’appiattimento della curva epidemiologica.

In seguito al Dpcm entrato in vigore il 6 novembre, che ha confermato le multe del decreto di marzo, le sanzioni amministrative previste in caso di inosservanza delle restrizioni oscillano tra i 400 e i 1000 euro. Se l’ammenda viene pagata entro cinque giorni, si ha uno sconto del 30%.

Ti potrebbe interessare anche -> Russia, finisce l’alcol alla festa e bevono gel igienizzante: 7 morti

Al bar con gli amici oltre il coprifuoco: multata Bebe Vio

Come riportato da “La Tribuna di Treviso”, l’episodio è avvenuto domenica 29 novembre nella città natale della campionessa di scherma, Mogliano Veneto. Alle ore 20 Bebe Vio si trovava ancora all’interno di un bar in compagnia di alcuni amici, probabilmente per festeggiare il compleanno del papà Ruggero. A quell’ora però secondo le disposizioni anti Covid il locale sarebbe dovuto essere chiuso alla clientela già da due ore. Dalle ore 18 in poi avrebbe potuto effettuare esclusivamente il servizio di consegne a domicilio.

La violazione del coprifuoco è stata segnalata alle forze dell’ordine direttamente da alcuni residenti del Comune di Mogliano Veneto, dopo aver notato alcune persone festeggiare dentro il locale. I carabinieri sono subito giunti sul posto, trovando il gruppo ancora all’interno della sala del bar: per Bebe Vio e i suoi amici è scattata immediatamente la multa di 400 euro a testa, mentre per il locale è stata disposta la chiusura obbligatoria per cinque giorni. Nessuno dei presenti avrebbe protestato, accettando l’ammenda.

Ti potrebbe interessare anche -> Il Reddito di Cittadinanza finiva in tasca al terrorista: denunciati due tunisini