Il Meteo per l’Italia del 7 dicembre: allerta rossa per quattro regioni

0
668

Ancora maltempo diffuso, allerta meteo di livello rosso per quattro regioni del Nord e allerta gialla per dieci regioni del resto del territorio nazionale, sono queste le principali previsioni per l’Italia di lunedì 7 dicembre 2020

Meteo Italia 7 dicembre

Il Bollettino della Protezione Civile

Secondo il bollettino ufficiale della Protezione Civile, emesso nella serata di ieri, 6 dicembre, e valido fino alla mezzanotte di oggi, 7 dicembre, sono attivi tre livelli di  allerta meteo. Di tipo rosso, il livello massimo, per Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e sulla Provincia Autonoma di Bolzano. Di livello arancione per alcuni settori delle regioni interessate dall’allerta rosso e sulla sulla Provincia Autonoma di Trento. Di livello giallo, per Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia.

Meteo Italia 7 dicembre: Le previsioni dell’Aeronautica Militare

Nord Italia: –  Detto dell’allerta meteo di livello rosso, il massimo, per Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Trentino Alto Adige sul restante quadrante settentrionale sono segnalate nuvolosità diffusa e ampie precipitazioni. Neve a quota 1100 metri.

Centro Italia e Sardegna: – Allerta meteo di livello giallo per Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Sardegna. Nuvole sparse, soprattutto per le zone costiere, sulle Marche.

Sud Italia e Sicilia: – Allerta meteo di livello giallo per Molise, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia. Velature diffuse sulla Puglia.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Il video dell’esondazione del Panaro tra Castelfranco Emilia e Nonantola

Meteo Italia Italia 7 dicembre: Temperature, Venti e Mari

Temperature: – Le minime sono in netto calo su tutto il territorio nazionale. Stabili su Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna e Sardegna. Le massime sono stazionarie nel Centro Italia, in lieve flessione sul Meridione e in netta flessione sulla Puglia.

Venti: – Moderati di provenienza occidentale con rinforzi locali sulle regioni della costa adriatica. Deboli settentrionali per il resto del territorio nazionale.

Mari: – Agitato il mare del canale di Sardegna ed il mare Tirreno nelle zone centrali e meridionale. Molto mossi tutti gli altri bacini.