Niccolò Pagani dopo L’Eredità: vi ricordate il campione del quiz show

0
1482

Cosa fa Niccolò Pagani dopo L’Eredità: vi ricordate il campione del quiz show, che scelse di tornare a scuola tra i suoi alunni?

(screenshot video)

Lo vediamo protagonista del pomeriggio di Raiuno come “affetto stabile” di “Oggi è un altro giorno”, programma condotto da Serena Bortone. Ma in molti si ricorderanno di Niccolò Pagani per la sua incredibile partecipazione al quiz show “L’Eredità”, il più longevo della televisione italiana. Se oggi infatti il protagonista del programma da circa 40 giorni è Massimo Cannoletta, in ‘appena’ 12 giorni il campione più amato della scorsa edizione ha lasciato una traccia davvero indelebile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Massimo Cannoletta, quanto ha vinto a L’Eredità: cosa farà adesso

Quanto restò in carica e quanto vinse Niccolò Pagani

34enne professore di liceo, poco più di un anno fa, Niccolò Pagani è diventato campione del programma L’Eredità per poi abbandonare la gara, spiegando pubblicamente di essere intenzionato a tornare tra i suoi ragazzi. La sua dichiarazione in una missiva letta al pubblico di Raiuno lo fece diventare un simbolo. “Come professore sto tornando sulla strada maestra, quella prediletta. Il mio posto è là, tra i miei ragazzi: ogni mattina in prima linea nella missione quotidiana dell’educazione e dell’onestà”, disse il campione. Che diventò così con alcune sue dichiarazioni il ‘nostro’ John Keating, il prof dell’Attimo Fuggente.

Ma quello che risultò davvero incredibile è che scelse quella strada, pur non avendo mai vinto nulla in nessuna delle 12 ghigliottine a cui aveva partecipato. Eccolo risalire in cattedra dunque per insegnare italiano, storia e geografia presso i Salesiani di San Benigno Canavese. Ma il giovane campione si è anche esposto in diverse occasioni pubbliche: ha manifestato al fianco del Movimento delle Sardine a Torino. E quando a fine agosto di quest’anno si è parlato di didattica in presenza, lui non si è tirato indietro. “Se non tornassi in classe per paura mio sentirei un codardo” – ha detto al ‘Corriere della Sera’ – “Avere un’agenda di lungo periodo è difficile, lamentarsi inutile. Torniamo e rispettiamo le regole”.