Il video dell’eruzione dell’Etna, Catania ricoperta di cenere: salvati 2 ciclisti

0
1188

Una fitta pioggia di cenere si sta abbattendo, da questa notte, su Catania per effetto dell’eruzione dell’Etna nel cratere Sud-Est: il video dell’evento naturale.

Video Eruzione Etna

Una fitta pioggia di cenere nera sta lentamente ricoprendo Catania dalle prime ore del 14 dicembre. Si tratta, secondo quanto riferisce l’Ingv l’istituto nazionale di vulcanologia di una “fase parossistica dell’Etna unita ad un repentino aumento dell’ampiezza del tremore vulcanico” 

Attivo il cratere Sud-Est

Tradotto in un linguaggio meno tecnico accade che il cratere Sud-Est del vulcano siciliano ha avuto una progressiva intensificazione delle esplosioni, ricordiamo che l’Etna è un vulcano attivo, e questo ha provocato una importante emissione di lapilli, lava e cenere. L’INVG segnala anche la presenza di tremore infrasonico, rilasci di energia sismica di lieve entità, piccole scosse di terremoto.

Il video dell’eruzione dell’Etna del 14 dicembre

Completamente ricoperti da una sottilissima coltre di cenere le strade, i balconi, le automobili e i marciapiedi della città ai piedi dell’Etna. Sempre secondo quanto riferisce l’INGV in un tweet apparso sul proprio profilo ufficiale la colata lavica presente nel cratere Sud è inattiva.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Stromboli, esplosione dal cratere: ceneri sulle case

Salvati due giovani ciclisti

L’eruzione dell’Etna ha avuto nella notte a cavallo tra il 13 e il 14 dicembre un altro risvolto. Due giovani ciclisti di Bronte, comune di 19000 abitanti a 55 chilometri da Catania sono stati tratti in salvo dalla Guardia di Finanza di Nicolosi. I due ragazzi, rispettivamente di 18 e 19 anni si erano avventurati sui sentieri dedicati alle Mountain-Bike nei pressi di Adrano, nel Parco dell’Etna.

Il Video del soccorso dei due giovani ciclisti sull’Etna

I due ragazzi, messi in difficoltà da una nevicata improvvisa, dall’avvio dell’eruzione e di un guaio muscolare hanno chiamato i soccorsi via whatsapp. La Guardia di Finanza li ha guidati via telefono fino al rifugio de “La Galvarina” dove è intervenuta una pattuglia che li ha messi in salvo.