Antonia Klugmann, vita da chef: la sua cucina amata in tutto il mondo

0
626

Chi è Antonia Klugmann, vita da chef: la sua cucina amata in tutto il mondo, la straordinaria rinascita dopo l’incidente drammatico.

(Instagram)

Classe 1979, triestina, la vita di Antonia Klugmann prende una piega diversa dopo qualche anno di università: iscritta a giurisprudenza, lascia infatti gli studi per inseguire un altro sogno. Quello di diventare chef, per cui sceglie di fare l’apprendista.

Leggi anche: Marco Bianchi, chi è: compagno, ex moglie, figlia dello chef

Tutto si interrompe però bruscamente quando compie 26 anni: un drammatico incidente d’auto la costringe a un anno di riabilitazione. Appena tornata attiva, sceglie subito di aprire un primo ristorante, “l’Antico Foledor Conte Lovaria” in provincia di Udine.

Leggi anche: Lo chef Francesco Mazzei: “Ho iniziato a 8 anni per comprarmi i jeans”

La straordinaria storia di Antonia Klugmann: la rinascita dopo l’incidente

Passano 5 anni e inizia a dar vita al suo progetto più ambizioso: acquista un terreno nel Collio per realizzare il suo nuovo ristorante. Nel frattempo è la  chef prima del ristorante “Il Ridotto” e successivamente di “Venissa”, a Venezia, con il quale ottiene la sua prima Stella Michelin. A fine 2014 apre “L’ Argine a Vencò”, a Dolegna del Collio in provincia di Gorizia, che di fatto è subito un successo e infatti nella Guida Michelin 2015 ottiene una stella., a pochi chilometri dal confine sloveno. Il suo nome inizia a girare in tutto il mondo ed è protagonista come ospite di The Mind of a Chef, sulla PBS.

Un paio di anni dopo, arriva anche la tv italiana: sostituisce Carlo Cracco come quarto giudice nella settima edizione di MasterChef Italia. Affianca nomi noti e amatissimi dal pubblico come Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Bruno Barbieri. Quell’esperienza dura solo una stagione del programma. L’anno dopo è ospite di MasterChef All Stars Italia, quindi fa altre ospitate in importanti programmi televisivi. Intanto, il suo ristorante L’Argine a Vencò è acclamato dalle guide culinarie di tutta Italia. Dalla sua vicenda, ha scritto un libro, Di cuore e di coraggio. La mia storia, la mia cucina, pubblicato nel 2018.