Atalanta-Roma 4-1, Roma annichilita: Tabellino e Highlights

0
965

Apre Dzeko, ma la Dea rimonta trascinata da Ilicic, due assist e un gol

Atalanta-Roma: Tabellino e Highlights

Atalanta-Roma 4-1, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Atalanta-Roma: Tabellino e Highlights – Quella del Gewiss Stadium è una partita che vale tanto per la logica della classifica, perché mette alla prova le ambizioni di entrambe le squadre in questa stagione. L’Atalanta di Gian Piero Gasperini è ancora condizionata dal caso Gomez, ma indipendentemente dall’argentino il resto della squadra sarà chiamata a fare risultato in casa per tornare a fare quanto di buono era stato realizzato lo scorso anno. Dall’altra parte la Roma di Paulo Fonseca sembra una squadra rigenerata dopo aver trovato il suo assetto tattico migliore, con Dzeko in avanti e degli ottimi Pedro e Mkhitaryan, che sulla trequarti riescono sempre a fare la differenza. L’armeno è tra i giocatori più in forma dl campionato, mentre anche l’esterno Spinazzola sta facendo molto per la prestazione complessiva della squadra. All’attacco giallorosso, il Gasp risponde con Malinovskyi e Pessina alle spalle dell’unica punta Zapata.

Vantaggio Roma

La partita si accende subito dai primi minuti, perché al centravanti bosniaco bastano solo tre minuti per portare in vantaggio la squadra ospite. Dopo sei minuti la conclusione di Spinazzola, che per Fonseca avrebbe indirizzato su un ottimo binario il match, si infrange però sul palo. L’Atalanta deve così reagire per riacciuffare il risultato. Ci provano prima Malinovskyi, poi De Roon, ma Mirante non si lascia sorprendere dai loro tiri. Allo stesso modo Smalling e Ibanez riescono a contenere bene l’attacco bergamasco, anche se con il passare dei minuti la Dea ha saputo rendersi pericolosa, dando la chiara sensazione di voler quanto prima pareggiare i conti con gli avversari.

La ripresa

Nel secondo tempo l’Atalanta cerca di accelerare nel tentativo di trovare il gol, ma la Roma è sempre pronta a ribaltare le azioni dei nerazzurri rendendosi pericolosa in contropiede. A ogni modo gli uomini del Gasp ci provano a superare Mirante con un tiro del solito Malinovskyi, che cerca di fatto di svolgere gli stessi compiti che spettavano al Papu, ma l’ucraino non riesce a trovare la porta con un tiro molto scoordinato. Con l’inserimento di Ilicic Gasperini prova a ravvivare la manovra offensiva dei suoi, ma la Roma in difesa si riconferma molto attenta anche nella seconda frazione di gioco. Nelle ripartenze i giallorossi sono però più leziosi e tendono a fare diversi errori nella manovra e nel controllo palla. Fonseca pensa così di optare per qualche cambio che inserisca un po’ di forze fresche in campo, mentre il collega aveva già sostituito l’ammonito Romero, dando spazio in questa partita anche a Palomino.

Pareggio e rimonta

Al 55′ Veretout riesce da buon incursore a inserirsi nelle maglie della difesa bergamasca, ma la sua conclusione molto ben indirizzata trova i guantoni di Gollini, che dopo il lungo infortunio sta velocemente ritrovando la forma migliore. Anche grazie al suo portiere, che ha mantenuto in piedi il match, che Zapata può trovare il pareggio, sprigionando tutta la sua forza fisica. Un tiro molto forte sotto l’incrocio dei pali al quale Mirante non può controbattere. Un’azione molto buona e rapida che sorprende perfino la difesa giallorossa. Assist non a caso di Josip Ilicic. Tutto da rifare così per la squadra di Fonseca, ma il pareggio della Dea per quanto visto negli ultimi minuti è più che meritato, con lo sloveno numero 72 che è entrato subito in partita, facendo la differenza in campo nelle sue partite sì. Proprio dal suo piede mancino parte la palla che di testa Gosens schiaccia in porta, grazie anche all’uscita sbagliata di Mirante. Con il vantaggio Gasperini decide così di sostituire Zapata con il connazionale Muriel, in modo da dare velocità e verticalità anche per diverse soluzioni in contropiede, forti del vantaggio. Proprio questo intento si realizza nell’arco di due minuti, perché Muriel trova il giusto guizzo bucando la difesa della Roma. A Mirante saltato il colombiano segna il 3-1 per i padroni di casa, mentre la Roma ha avuto dall’inizio del secondo tempo un calo fisico e i cambi di Fonseca hanno tardato ad arrivare.     

Differenza atletica

La partita viene decisa proprio dallo stato di forma fisico dei calciatori in campo, perché nella seconda parte del secondo tempo, a partire dal 75′, la differenza di corsa delle due squadra sarà palpabile, tanto che nel loro entusiasmo i bergamaschi sfiorano più volte il 4-1. La Roma non riesce più ad alzare il baricentro né a tirare verso la porta di Gollini. Troppo spaccati gli undici giallorossi in campo, con le punte isolate. Dopo pochi minuti, all’85’, la condizione della Roma viene provata dal quarto gol atalantino, un tiro mancino di Ilicic che ha letteralmente danzato sul pallone al centro dell’area di rigore giallorossa. Ibanez e Smalling non hanno potuto far molto, con lo sloveno che nel dopo Gomez sta dando un apporto importante alla sua squadra. Una risposta convincente da parte di tutto il gruppo, contro una squadra che ultimamente non è mai riuscita a batterlo, che dimostra di saper andare oltre il Papu Gomez, mostrando di non aver risentito di quanto accaduto nello spogliatoio nelle ultime settimane. Uno slancio importante anche per tornare a inseguire una nuova qualificazione in Europa.

   

Potrebbe interessarti anche -> Parma-Juventus 0-4: espugnato il Tardini

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Atalanta-Roma: Tabellino e Highlights

Reti: Dzeko 3′, Zapata 59′, Gosens 70′, Muriel 72′, Ilicic 85′

Atalanta (3-4-2-1): Gollini, Toloi, Romero (Palomino 46′), Djimsiti, Gosens (Mojica 89′), Freuler, De Roon, Hateboer, Pessina (Ilicic 46′), Malinovskyi (Miranchuk 81′), Zapata (Muriel 72′).
Allenatore: Gian Piero Gasperini

Roma (3-4-2-1): Mirante, Ibanez, Smalling, Mancini, Spinazzola (Bruno Peres 66′), Veretout (Villar 81′), Pellegrini (Perez 81′), Karsdorp, Mkhitaryan, Pedro (Cristante 74′), Dzeko.
Allenatore: Paulo Fonseca

Arbitro: Marco Di Bello
Ammoniti: Pellegrini, Malinovskyi, Romero, Mirante, Mancini
Espulsi: –

Highlights QUI