Una poltrona per due, dal vero titolo alla censura: 10 cose che non sapete

0
901

Come ogni 24 dicembre, dal 1998 ad oggi, Italia Uno ha trasmesso il classico film per il Natale in famiglia, “Una Poltrona per Due”, ma siete sicuri di sapere proprio tutto su quello che riguarda il capolavoro di John Landis: ecco dieci curiosità che vi lasceranno a bocca aperta

Curiosità Poltrona per Due

Partiamo dai numeri, quella di ieri sera, 24 dicembre 2020, è stata la programmazione più vista degli ultimi dieci anni: 2.933.000 telespettatori. Il precedente record era del 2012 con 2.694.000 contatti. La meno seguita quella del 2014 con “soli” 1.845.000 telespettatori.

Le Curiosità di Una Poltrona per Due

Passiamo alle altre curiosità. Il titolo. Il vero nome di “Una Poltrona per Due” è “Trading Places” tradotto letteralmente “Luoghi di scambio”. Riferito sia allo scambio di persona tra Billie Ray Valentine e Louis Winthorpe III quanto allo scambio di titoli in Borsa.

John Landis quando seppe il titolo italiano del film andò su tutte le furie. Lo definì “disgustoso” e minacciò di ritirarlo dal mercato del Belpaese. Il film è uscito l’8 giugno 1983 ma in Italia è arrivato solo il 19 gennaio 1984.

Gli attori protagonisti scelti da John Landis dovevano essere Gene Wilder e Richard Pryor che negli anni 70 avevano “spaccato” il botteghino con “Wagons lits con omicidi” (Silver Streak) del 1976 e “Nessuno ci può fermare” (Stir Crazy) del 1979. Ma ad inizio del 1982 Pryor ebbe un incidente che lo costrinse al ritiro dal film e la produzione ingaggiò Eddie Murphy, al tempo praticamente esordiente, aveva girato solo “48 Ore” con Nick Nolte.

La scelta di John Landis

Eddie Murphy per non passare come ripiego e per mettere in scena una coppia di pari età propose a Landis di sostituire Wilder con Dan Aykroyd. Il regista accettò e nacque la storica coppia.

Dopo “Trading Places” Eddie Murphy e Dan Aykroyd non hanno mai più lavorato insieme

Il numero della foto segnaletica scattata dopo l’arresto per furto di Louis Winthorpe III, 7474505B per la cronaca, è lo stesso di John Belushi nel film “The Blues Brothers”. Film del quale Dan Aykroyd era co-protagonista e che John Landis aveva diretto.

John Belushi, molto amico di Dan Aykroyd e John Landis, era morto il 5 marzo 1982 per overdose. La coppia decise di omaggiarne la memoria ingaggiando il fratello Jim per il ruolo del gorilla nella festa sul treno.

See you next Wednesday

In tutte le principali opere di John Landis, dal videoclip di Thriller” di Michael Jackson a “Un lupo mannaro americano a Londra” passando per “Il principe cerca moglie” si vede la locandina del film, “See you next Wednesday”. Film in realtà mai girato. Una sorta di convitato di pietra che Landis prima o poi metterà in opera.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Il grande ritorno in TV di Cristina D’Avena, l’annuncio su Instagram: i dettagli

Curiosità di Una Poltrona per Due: la censura dopo l’11 settembre

La decima e ultima curiosità è purtroppo quella meno piacevole. La scena finale di “Una Poltrona per Due” è girata al World Trade Center, le tristemente note Torri Gemelle di New York dove avvenivano gli scambi di Borsa. Winthorpe prima di entrare nell’edificio sussurra a Valentine: “In questo edificio o uccidi o resti ucciso”. Dopo l’11 settembre 2001 e il drammatico attentato, nelle edizioni americane del film, la scena è stata tolta. E’ tutto. Ci vediamo il 24 dicembre 2021 su Italia Uno