Piacenza, “Bevete vino”, ricoverato il prete dell’omelia virale

0
569

Piacenza, ricoverato il prete che nell’omelia di Natale aveva invitato i fedeli a mangiare e bere in abbondanza

don pietro cesena
(screenshot video)

Il vino è segno della vita eterna, chi non lo bene non entra in paradiso. Con queste parole Pietro Cesena, sacerdote di Borgotrebbia, in provincia di Piacenza, aveva chiuso la scherzosa omelia di Natale. Il Don è diventato famoso, il video della sua “predica” ha fatto il giro del web e oggi, purtroppo, è stato ricoverato a causa del Covid.

Per Don Pietro si sono aperte le porte l’ospedale di Piacenza, nel reparto di pneumologia. È tenuto sotto osservazione perché gli è stata diagnosticata una polmonite bilaterale ed è risultato positivo al tampone.

Nel video l’omelia viene interrotta varie volte dagli applausi dei fedeli divertiti. Per una Natale così particolare sul web il video aveva ottenuto molta popolarità perché distensivo e allegro, quasi come se fosse un buon auspicio per il futuro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “In Paradiso si beve il vino”: l’omelia di don Pietro Cesena è virale – VIDEO

Piacenza, il Don del video era stato multato per la messa durante il primo lockdown

Don Pietro Cesena era già salito alla ribalta delle cronache lo scorso aprile per essere uno dei sacerdoti che aveva celebrato la messa quando era ancora proibito. La celebrazione in questione fu anche trasmessa in streaming ma in chiesa c’erano comunque circa venti persone.

Quando arrivarono le forze dell’ordine, il prete esortò i fedeli a non pagare le multe adducendo che impedire di andare a messa è anticostituzionale. Sulla vicenda era intervenuto anche Monsignor Gianni Ambrosio, vescovo del capoluogo emiliano ribadendo il rispetto delle regole.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Claudia Alivernini vaccinata: al via il Vaccine Day in tutta Europa

“Oggi vi invito a mangiare bene e a bere con abbondanza non la Coca Cola ma il vino buono”, aveva detto a Natale, sostenendo in modo scherzoso che gli astemi non entreranno in paradiso perché si beve vino.