Reggio Emilia, incidente a Castelnovo di Sotto: morto 23enne

0
809

Reggio Emilia, è morto un ragazzo di 23 anni a Castelnovo di Sotto a causa di una forte grandinata: salvo l’amico che era con lui

reggio emilia
Ambulanza (Getty Images)

Tragedia a Castelnovo sotto in provincia di Reggio Emilia nel giorno di Natale. In un incidente avvenuto alla periferia del paese ha perso la vita Niki De Marco, giovane 23enne padre di una bambina di pochi mesi.

Il ragazzo era alla guida di una Fiat Punto quando improvvisamente una forte grandinata si è abbattuta sulla strada. In auto il ragazzo non era solo, con lui c’era un amico 31enne; erano da poco passate le 16.00 e in via Prato Bovino ha perso il controllo del mezzo.

La vettura ha avuto prima un violento impatto con un palo della luce in cemento che è stato abbattuto, poi è finita in un fossato non lontano dalla carreggiata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Piacenza, “Bevete vino”, ricoverato il prete dell’omelia virale

Reggio Emilia, l’elisoccorso non è riuscito a volare a causa della neve

** CONDOGLIANZE ALLA FAMIGLIA DE MARCO **

Il sindaco Francesco Monica, a nome dell’amministrazione comunale e di tutta…

Pubblicato da Città di Castelnovo di Sotto su Domenica 27 dicembre 2020

Scattato l’allarme la zona è stata invasa da ambulanze, automediche, Vigili del Fuoco e forze dell’Ordine. Le condizioni di Niki sono apparse subito critiche. Serie ma non gravi invece quelle del passeggero che da subito, al contrario, non è apparso in pericolo di vita.

La vittima non è deceduta subito. Quando è stato caricato nell’ambulanza e trasportato presso l’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia era ancora in vita. È morto poco tempo dopo essere entrato nella struttura.

Da Bologna si era anche alzato l’elisoccorso per velocizzare i soccorsi per il ferito più grave. Il mezzo però non ha raggiunto il luogo della tragedia perché nei pressi di Modena si è dovuto fermare a causa di una forte nevicata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Claudia Alivernini vaccinata: al via il Vaccine Day in tutta Europa

Quando i due giovani sono giunti in ospedale non sono mancati attimi di tensione perché amici e familiari, anche loro arrivati nel frattempo, hanno creato assembramenti ed è stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine.