Sanremo 2021: pubblico e artisti su Costa Smeralda, scoppia la polemica

0
463

Arriva la conferma Rai: pubblico e cast artistico di Sanremo 2021 su una nave di Costa Crociere. La polemica: “Quanto costerebbe un’operazione del genere?”.

(Photo by Daniele Venturelli/Getty Images)

Se la notizia lanciata a Natale da Dagospia poteva sembrarvi un’assurdità, sappiate che ora è arrivata la conferma: la Rai ha preso ufficialmente in considerazione l’ipotesi di ospitare pubblico e cast artistico di Sanremo 2021 su una nave da crociera, in modo da garantire lo spettacolo con la platea in presenza all’Ariston.

Leggi anche -> Massimo Cannoletta: dopo l’addio all’Eredità, ecco cosa farà

Le polemiche sulla nave da crociera

La nave da crociera servirebbe a tenere le quasi 400 persone e gli artisti in una specie di quarantena preventiva, sottoposti regolarmente a tamponi e controllo della temperatura. Una volta garantita la loro immunità, le persone sarebbero trasportati prima a terra con i tender e quindi all’Ariston con dei bus.

Il progetto – che porta la firma dell’attuale presidente di Rai Pubblicità Antonio Marano – è stato presentato dalla Rai a Costa Crociere, e al momento è l’ipotesi principe alla quale punta l’organizzazione del Festival di Sanremo, anche se le decisioni operative di Viale Mazzini verranno prese solo a metà gennaio sulla base di quelli che saranno allora i dati sulla pandemia.

Le polemiche, però, non tardano ad arrivare e il primo in assoluto a farle scoppiare è il segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, che sui social non ha usato mezzi termini. Nonostante il settore dei teatri e della musica sia in crisi a causa della pandemia Covid, “la ricca Rai, l’unica azienda in Italia che non ha problemi di bilancio perché è mantenuta dai soldi del canone degli italiani, vorrebbe avere una corsia preferenziale per Sanremo” scrive Anzaldi sul suo profilo Facebook.

Leggi anche -> V-Day, Campania: si vaccina anche De Luca e non mancano le polemiche

Non solo, Anzaldi rincara la dose chiedendo l’intervento del Ministero della Sanità e del Comitato Tecnico Scientifico: “Chi garantisce che spostare ogni giorno centinaia di persone dagli alberghi o da una nave non metta a rischio la salute degli italiani? Chi garantisce che il Festival non diventerà un maxi cluster di contagi? Davvero il Festival di Sanremo è l’unico evento televisivo e musicale nel mondo che può permettersi di non rispettare le restrizioni anti covid?”.