Claudia Alivernini, insultata la prima infermiera vaccinata

0
592

Claudia Alivernini, l’infermiera dello Spallanzani è stata costretta a chiudere i propri profili social per le minacce ricevute

Claudia Alivernini

Claudia Alivernini, la prima l’infermiera dell’Istituto Spallanzani di Roma, sui social ha ricevuto minacce e insulti dai no vax e dai negazionisti. La 29enne domenica scorsa, in occasione del V-Day, è stata la prima infermiera a essersi vaccinata.

La foto della ragazza ha fatto il giro del web. La mascherina nascondeva il sorriso ma gli occhi erano chiaramente inorgogliti: così ha detto di sentirsi dopo l’iniezione. Per qualcuno, però, non c’è nulla d’orgoglioso e quella vaccinazione deve esser una vergogna.

La ragazza ha trovato così i propri canali social inondati di messaggi d’odio. C’è chi le chiede “quando muori?” e chi la accusa di far parte di uno show. Claudia è stata così costretta a chiudere i propri profili.

Non è escluso che la ragazza si rivolga alle forze dell’ordine per denunciare il furto d’identità. Su Instagram sono infatti nati profili che hanno il suo nome e la sua foto, ma non è lei.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid: chi è Claudia Alivernini, la prima infermiera vaccinata in Italia

Claudia Alivernini vittima di hater e no vax

La giovane non è stata insultata e minacciata solo sui propri profili personali ma anche nei commenti sulle pagine che hanno riportato la notizia con la sua foto dell’iniezione. Oltre a chi l’ha augurata la morte e a chi ha detto che non deve fare più questo mestiere se ha deciso di fare spettacolo, ci sono ovviamente anche i complottisti.

Una delle foto più pubblicate sul social è quella di seguita, postata online domenica mattina dalla pagina Facebook dello Spallanzani. A differenza dello scatto in evidenza nel presente articolo, la siringa non si vede perché è coperta dalla collega che sta procedendo alla vaccinazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lutto nella Moda, la morte di Pierre Cardin: il pioniere del prêt-à-porter

Questa immagine è bastata ai leoni da tastiera per sostenere che non è vero nulla, che non si sta sottoponendo al vaccino e che è tutta una pagliacciata per continuare ad alimentare il “terrore psicologico” con la complicità della stampa.