Roma, festeggiano il Capodanno in albergo: multate 27 persone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30
0
231

Scoperta dalle forze dell’ordine una festa clandestina di Capodanno in un albergo di Roma: raffica di multe.

capodanno in albergo

Il divieto di festeggiare il Capodanno in ristorante, albergo o altri luoghi pubblici imposto dal governo per il contenimento dei contagi non li ha certo intimoriti. Così hanno deciso di organizzare i festeggiamenti del nuovo anno in un albergo al centro di Roma, per passare insieme il tradizionale veglione e condividere il brindisi della mezzanotte.

La serata, a cui non si è fatto mancare il cenone, sembrava procedere bene. Verso le 22.30 è arrivato però l’imprevisto: sul posto sono giunte le forze dell’ordine, che hanno trovato 27 persone intente a mangiare e ballare. Per tutti i partecipanti della festa clandestina è scattata la multa.

La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese aveva avvertito dell’imponente dispiegamento di uomini in tutta Italia in vista del Capodanno. I controlli non sono stati effettuati soltanto sulle strade, ma anche sui social per verificare l’organizzazione di eventuali feste illegali e all’interno dei locali che sarebbero dovuti restare chiusi al pubblico.

Ti potrebbe interessare anche -> Addio al 2020, il mondo saluta il 2021: il Capodanno al tempo del Covid

Capodanno: non solo a Roma le feste non autorizzate

Il party abusivo scoperto a Roma non è l’unico caso individuato dagli agenti della polizia ad aver violato le misure anti assembramento previste dalla zona rossa. Secondo quanto emerso finora, a Milano sono state sanzionate 30 persone: 12 sono state sorprese all’interno di un residence e le altre 18 sono state trovate in un appartamento in affitto.

Ti potrebbe interessare anche -> Mattarella, discorso di fine anno: “Segnali importanti, che incoraggiano una speranza concreta”

Nel Bresciano invece un resort di lusso ha ospitato un vero e proprio party clandestino con musica, dj e vocalist. Le immagini della festa sono però finite sui social, nonostante sui tavoli la proprietà avesse lasciato un bigliettino in cui si chiedeva espressamente di non divulgare video o foto.