Juventus-Udinese 4-1, doppietta di CR7: Tabellino e Highlights

0
1021

Il portoghese trascina ancora i suoi dopo un inizio complicato. In gol anche Chiesa e Dybala

Juventus-Udinese: Tabellino e Highlights

Juventus-Udinese 4-1, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Juventus-Udinese: Tabellino e Highlights – Con i successi di Inter e Milan rispettivamente contro Crotone e Benevento, due squadre contro le quali la Juventus in questa stagione ha pareggiato, i bianconeri sono costretti a inseguire e a vincere in casa contro l’Udinese di Luca Gotti. Dopo la pausa natalizia la squadra di Andrea Pirlo viene dalla peggiore sconfitta subita nel nuovo stadio contro la Fiorentina per 3-0, perciò deve ritrovare risultato e fiducia. I punti di differenza da Milan e Inter sono tanti, ma per recuperare il gap i padroni di casa possono affidarsi al talento di Cristiano Ronaldo, in campo dal primo minuto al fianco di Dybala, scelto da Pirlo al posto di Morata. L’Udinese mette in campo i titolarissimi per dare seguito alla scia positiva di dicembre e strappare punti preziosi ai campioni d’Italia. Il ritmo non è dei più tirati, con diversi errori da entrambe le parti. La manovra della Juve non è molto ordinata e tra le maglie dei friulani Ramsey e compagni fanno fatica a trovare gli spazi migliori. Allo stesso tempo l’Udinese riparte con discreta pericolosità, in velocità come nell’azione che vede una triangolazione in accelerazione fra De Paul e Lasagna che porta in gol il talento argentino. Solo il controllo de Var da parte di Giacomelli mantiene il risultato sullo 0-0 per un fallo di mano proprio all’inizio del contropiede da parte dello stesso De Paul.

Il vantaggio

Il gol annullato alla squadra ospite sembra aver avuto effetto sul morale dei ragazzi di Gotti, in particolare sul centrocampista argentino che sbaglia un disimpegno non da lui. Ramsey ruba palla sulla mediana friulana e servendo Ronaldo lancia di fatto il portoghese da solo davanti a Musso. Implacabile al tiro sul secondo palo in velocità, CR7 porta in vantaggio la Juventus dopo una mezz’ora di gioco sofferta più di quanto ci si potesse aspettare. Con il gol i padroni di casa trovano maggiore possesso palla, ma in più occasioni questo si rivela sterile, perché la circolazione del pallone e la manovra spesso non portano altre utili occasioni da rete. L’Udinese prova a reagire, ma Szczesny nel corso del primo tempo non corre particolari pericoli, per quanto la difesa juventina non sembri particolarmente inossidabile.

La ripresa

Per provare a recuperare nel punteggio e per un contrasto duro alla fine del primo tempo Gotti sostituisce Pussetto facendogli subentrare Forestieri, ma nell’arco dei primi tre minuti della seconda frazione di gioco la Juventus si rende ben più pericolosa con un assist prezioso di Ronaldo per Chiesa. Bravo a smarcarsi il giovane talento ex Fiorentina incrocia con il mancino battendo Musso, un ‘azione che vale il raddoppio dei padroni di casa. Dopo qualche minuto anche Ramsey troverà il gol, ma per il var è di nuovo il caso di intervenire per un altro fallo di mano. Anche in questa circostanza la rete viene annullata, di fatto una per parte. I friulani non si arrendono, con una conclusione di Stryger Larsen che si infrange sulla traversa, ma la partita ora sembra viva e aperta a qualsiasi esito. La Juventus in avanti si sente più in fiducia nel giocare il pallone, ma nella retroguardia continua a soffrire. Soprattutto i campioni d’Italia non sembrano in grado di fare filtro a centrocampo, mentre l’Udinese continua a premere, pur senza trovare il gol della bandiera. Gli uomini di Pirlo continuano a fare gioco, ma Ronaldo resta l’uomo in grado di illuminare la manovra juventina e senza dubbio rimane quello che sa meglio vedere la porta. un assist preciso di Bentancur mette nuovamente il talento portoghese di fronte a Musso, con CR7 che mette a segno la sua doppietta personale, impalcabile sotto porta. Il terzo gol sembra così chiudere definitivamente la partita, ma l’Udinese non rinuncia a carcare il gol della bandiera, andandoci vicino con una traversa di Zeegelaar. Negli ultimi dieci minuti di gioco Pirlo decide di far riposare i suoi in vista dell’impegno contro il Milan di Stefano Pioli e sceglie alcuni cambi. Dentro Bernardeschi al posto di un ottimo Chiesa, dentro Kulusevski al posto del gallese Ramsey. Gotti risponde richiamando in panchina Pereyra e Lasagna, dando spazio nel finale a Mandragora e Nestorovski. Cambi che vengono premiati con la rete di Zeegelaar meritata dai suoi, ma la partita è ormai chiusa da diversi minuti, con il sigillo nel recupero di Paulo Dybala per il 4-1. Presenza nel finale anche per Chiellini e Frabotta per completare il turnover. Nella sostanza la Juventus riesce a conquistare così i tre punti, trascinata ancora una volta da una doppietta di Ronaldo, ma il gioco di Pirlo non sembra aver trovato ancora la sua forma migliore, perché i margini di miglioramento restano. L’esame più importante sarà ora con i rossoneri primi in classifica già mercoledì, in una giornata nella quale giocheranno di nuovo tutte le squadre di Serie A.

 

Potrebbe interessarti anche -> Benevento-Milan 0-2: kessie su rigore, poi Leao

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Juventus-Udinese: Tabellino e Highlights

Reti: Ronaldo 31′, Chiesa 49′, Ronaldo 70′, Zeegelaar 90′, Dybala 93′

Juventus (4-4-2): Szczesny, Alex Sandro (Frabotta 83′), De Ligt, Bonucci (Chiellini 83′), Danilo, Ramsey (Kulusevski 74′), Bentancur, McKennie (Arhur 65′), Chiesa (Bernardeschi 74′), Dybala, Ronaldo.
Allenatore: Andrea Pirlo

Udinese (3-5-2): Musso, Samir, De Maio (Molina 64′), Bonifazi, Zeegelaar, Pereyra (Mandragora 74′), Walace (Makengo 81′), De Paul, Larsen, Pussetto (Forestieri 46′), Lasagna (Nestorovski 74′).
Allenatore: Luca Gotti

Arbitro: Piero Giacomelli

Ammoniti: Chiesa, McKennie
Espulsi:

Highlights QUI