Can Yaman, parte la videochiamata: ma non è per Diletta Leotta

0
975

L’attore Can Yaman torna su Instagram, parte la videochiamata: ma non è per Diletta Leotta, ecco con chi parlava.

(Instagram)

Sta impazzando il gossip di questa stagione invernale: questo vorrebbe che ci sia una relazione tra Diletta Leotta, bellissima inviata da bordo campo di DAZN, giornalista e influencer amata soprattutto dal pubblico maschile, e l’attore turco Can Yaman, popolarissimo in Italia, che riscuote grande successo tra le donne. I due stanno insieme? Lui punta tutto sulla riservatezza e sottolinea attraverso le Instagram Stories: “Fatti miei, punto!”.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Diletta Leotta impone la chiusura degli account a Can Yaman: i motivi

Le ultime sulla presunta coppia Diletta Leotta e Can Yaman

Insomma, lui preferisce non proferire paura sulla presunta relazione con la giornalista italiana, che da parte sua – nel corso di 105 Take Away, programma che conduce al fianco di Daniele Battaglia – sembra sbottonarsi un po’ di più rispetto a quanto sta accadendo. Nel corso della trasmissione su Radio 105, dunque, la coppia radiofonica dà vita a un siparietto quasi memorabile. Il conduttore le chiede quale sarebbe stata la sua reazione se si fosse messo a ballare su atmosfere musicali tipiche della Turchia.

Quindi improvvisa un balletto e Diletta Leotta coglie l’occasione per fargli sapere che Can Yaman starebbe ascoltando la trasmissione. “Lo salutiamo? Salutalo”, sottolinea la giornalista parlando con il suo interlocutore. Sembra ovviamente quasi una provocazione, viste le insistenti voci di questi giorni. Ma nulla esclude che sia davvero così e Can Yaman oggi avesse davvero l’orecchio attaccato alla radio. Intanto, l’attore turco è tornato sui social, postando una foto che lo ritrae alle prese con una videochiamata. La didascalia sul suo profilo Instagram dice in turco: “Mia cara madre, mia cara nonna”. La foto piace a Ferzan Ozpetek, il regista turco che ha conosciuto la fortuna nel cinema italiano e che sembra stravedere per il suo connazionale.