Andrea Causin, chi è il senatore che potrebbe salvare Conte

0
640

Andrea Causin, chi è il senatore che oggi potrebbe far ottenere la fiducia all’esecutivo ancora fortemente in bilico

Bonus Legge Bilancio 2021

Ore frenetiche al Senato, di conte per Conte e di apprensioni. Per ora di cena è atteso il voto sulla fiducia. Il governo conte dovrebbe avere 152 sì con i più ottimisti che si spingono a 158. Dalla parte dell’esecutivo ci saranno anche gli ex del Movimento 5 Stelle e non sono escluse delle sorprese.

Secondo fonti di stampa il senatore di Forza Italia Andrea Causin potrebbe sostenere l’esecutivo votando a favore della fiducia. La sua opinione in merito però non si conosce non essendosi ancora espresso e ancora non si sarebbe neanche presentato in aula.

Ieri alla Camera da Forza Italia è arrivato un sì, quello di Renata Polverini. Al Senato oltre Causin, sempre secondo fonti di stampa, sarebbero pronte a dare il loro benestare al governo anche Anna Carmela Minuti e Barbara Masini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Crisi di Governo, il vero motivo dell’addio di Renata Polverini a Forza Italia

Andrea Causin, la carriera del senatore: dal Pd a Forza Italia

Andrea Causin
Foto Facebook

Imprenditore residente a Martellago in provincia di Venezia, Causin ha quarant’otto anni ed è stato eletto per la seconda volta che viene eletto in Parlamento. È membro della Commissione Difesa e dell’Acli, le Associazioni Cristiane dei lavoratori Italiani. Ha lavorato in aziende pubbliche nell’ambito nelle energie. Nel 1994 viene eletto a consigliere comunale a Martellago con il Partito Popolare e nel 2005 entra in consigliere Regionale poi aderisce al Partito democratico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morto lo storico dirigente del Partito Comunista Emanuele Macaluso

È nella segreteria nazionale di Veltroni poi lascia il partito nel 2011 ed entra nell’associazione Italia Futura di Montezemolo e contribuisce alla nascita di Scelta Civica dell’ex premier Mario Monti e nel 2013 approda in Parlamento. Quando termina il progetto politico di Monti entra in Forza Italia.