Adolescente vittima di stupro: si è suicidata con overdose di sonniferi

0
503

La drammatica vicenda di un’adolescente vittima di stupro: si è suicidata con overdose di sonniferi, il nuovo dramma in India.

(foto pubblico dominio)

Una diciassettenne vittima di stupro, in un caso in cui l’imputato è un anziano proprietario di un giornale, è morta dopo aver assunto una presunta overdose di sonniferi a Bhopal, in India. La vicenda testimonia ancora una volta il dramma delle donne indiane, vittime troppo spesso di violenza.

Ti potrebbe interessare anche -> Celina Petersen: il giallo che ha sconvolto l’opinione pubblica

La ragazza è stata ricoverata lunedì notte all’ospedale governativo Hamidia dopo aver consumato sonniferi in una casa di accoglienza nella capitale del Madhya Pradesh. Purtroppo non sono riusciti a salvarle la vita e nelle scorse ore è arrivata la drammatica notizia del decesso.

Ti potrebbe interessare anche -> Giulia Di Sabatino: nuove immagini esclusive della notte della sua morte

Si è suicidata adolescente dopo lo stupro: ecco chi è il suo presunto carnefice

Nel luglio dello scorso anno è stato messo sotto accusa Pyare Miya (68 anni), che dirige un quotidiano locale, ritenuto responsabile di aver violentato cinque ragazze minorenni in diverse occasioni. Le cinque vittime erano state tenute in una casa di accoglienza governativa, controllate a vista proprio perché c’era la preoccupazione che potessero fare qualche gesto estremo. Purtroppo però due di loro sono state ricoverate nei giorni scorsi.

Sembra che siano riuscite a eludere la sorveglianza e ad assumere sonniferi. Una di loro – una ragazza di 17 anni – come sottolineato non ce l’ha fatta. Il responsabile della stazione di polizia di Kamla Nagar, Vijay Sisodia, ha detto che è in corso un’indagine per scoprire come la ragazza ha preso sonniferi nella casa di accoglienza. Sempre dall’inchiesta è emerso che il direttore del quotidiano arrestato avrebbe avuto una giovane complice, la 21enne Sweety Vishwakarma: anche su di lei pendono gravi capi di accusa.