Il dramma di Francesca Cipriani: “Trauma indelebile”. E’ successo nel 2002

0
727

Questa sera, 21 gennaio, torna in onda il popolare programma di Canale 5 “La Pupa e il secchione”, lo show sarà condotto da Andrea Pucci e avrà come ospite fissa Francesca Cipriani.

Francesca Cipriani La Pupa e il Secchione

Ad un anno esatto dall’ultima puntata andata in onda torna sul piccolo schermo “La Pupa e il Secchione” o meglio “La pupa e il secchione e viceversa” edizione rivista e corretta dei precedenti La pupa e il secchione – Il ritorno del 2010 e l’originale La pupa e il secchione del 2006.

Il programma edizione 2021 andrà in onda dal 21 gennaio al 25 febbraio e vedrà pupe e secchioni convivono in una villa dove daranno vita ad una competizione, a coppie, per scambiarsi il proprio sapere e migliorarsi a vicenda sotto l’aspetto fisico. Lo scopo del gioco è, attraverso prove di cultura generale, abilità fisica e conoscenza reciproca, quello di scalare la classifica e vincere il maxi premio finale.

Come detto alla guida del programma ci sarà il popolare comico milanese Andrea Pucci ospite fissa il personaggio televisivo Francesca Cipriani ex Grande Fratello e soprattutto, a dieci anni di distanza, ex La Pupa e il secchione il ritorno.

Francesca Cipriani, 36 anni lo scorso 3 luglio nei giorni scorsi è stata protagonista di una confessione dolorosa e a a cuore aperto. La soubrette ha raccontato in un’intervista al quotidiano “Libero” un grave fatto di cronaca di cui è stata protagonista quando aveva 18 anni.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Francesca Cipriani, il dramma: “Mi sequestrarono per violentarmi”

Era il 2002 e la Cipriani lavorava come commessa in una boutique di Sulmona, citta di 23000 abitanti in provincia di L’Aquila. Accadde un grave fatto di cronaca che le ha segnato la vita. Il proprietario del negozio l’ha sequestrata con l’intento di violentarla. “Sono svenuta poco prima del fattaccio – ha spiegato Francesca a Libero – lui si è spaventato e si è fermato”. Ovviamente poi è scattata la denuncia e il processo. “Le cicatrici non si rimarginano – sottolinea la Cipriani – è impossibile dimenticare ma ho avuto vicino chi mi amava, i miei genitori e poi mi sono data forza da sola”.