Porto Recanati, disabile multato da agenti in borghese perché consuma caffè nel locale: “Mi riparavo dal freddo”

0
171

Porto Recanati, disabile multato perché consuma caffè nel locale mentre si riparava dal freddo. Il 58enne ha violato le norme anti-Covid. Il titolare del locale: “si calpesta la dignità dei più deboli”.

E’ entrato nella pizzeria Amarcord di Porto Recanati  in provincia di Macerata con la sua carrozzina elettrica per prendere un caffè e “ripararsi dal freddo”.

Gli agenti in borghese lo hanno sorpreso nel locale durante la violazione delle norme anti-Covid e lo hanno multato di 400 euro.

Il disabile Giovanni Valerio Ricci, 58enne affetto da distrofia muscolare, ha dichiarato: “Volevo solo scaldarmi, la sanzione è quasi quanto la mia pensione di 500€”, si difende e minaccia ricorso. Dalla sua parte anche il titolare del locale, Andrea Giampaoli: “Così si calpesta la dignità dei più deboli”, ma per il questore “è un atto dovuto”.

“Sono costretto a muovermi con la carrozzina elettrica e ogni giorno cerco di uscire da casa un’oretta – ha raccontato Giovanni Valerio Ricci a Il Resto del Carlino. Mi trovavo sul corso ma alle 11.30 si è annuvolato e ho cominciato a tremare dal freddo. Ho chiesto al titolare della pizzeria se potevo entrare per ripararmi e scaldarmi con un caffè”.

Poco dopo è scattato il controllo della polizia amministrativa di Macerata. “Non avevo finito il caffè – continua Ricci a Il Resto del Carlino – che sono entrati due agenti in borghese, dicendomi che stavo violando le norme Covid e scattava la multa per 400 euro. Ho spiegato i problemi della mia disabilità e che mi stavo riscaldando, ma non è servito. Non avevo con me i documenti, e mi hanno obbligato a portarli a casa per poterglieli mostrare, come se volessi scappare. Ho una pensione di invalidità da 500 euro. Molti amici e parenti mi hanno espresso solidarietà, ma la rabbia rimane”.

A contribuire al ricorso contro la sanzione c’è lo stesso titolare del locale, Andrea Giampaoli. “Giovanni non deve pagare la multa, perché è ingiusto farla a un disabile – ha commentato a Il Resto del Carlino. – E’ una vergogna quello che è successo, così si calpesta la dignità dei deboli”.

A Il Resto del Carlino anche la posizione del questore di Macerata Vincenzo Trombadore, in risposta alle polemiche. “Il nostro compito è far rispettare la legge, – ha detto. – Non si può chiedere un trattamento diverso con la motivazione che fuori fa freddo”.

 

La Lega pronta a pagare la multa

“la Lega è pronta a pagare la sanzione per il mancato rispetto delle norme di contenimento del Covid” queste le dischiarazioni della Lega tramite Facebook.

Ti potrebbe interessare anche –> Coprifuoco, donna esce con il guinzaglio ma non c’è il cane: multata