Alberto Angela, l’aneddoto sul conduttore: bocciato alle elementari

0
220

Curiosità sul noto divulgatore scientifico Alberto Angela, l’aneddoto sul conduttore: bocciato alle elementari.

(screenshot video)

Senza dubbio, è uno dei personaggi televisivi più amati: stiamo parlando di Alberto Angela, figlio d’arte, ma soprattutto ormai a pieno titolo il divulgatore scientifico più seguito sul piccolo schermo. Poco attivo sui social, i suoi post diventano comunque sempre virali e di recente il suo appoggio a una libraia ha ottenuto centinaia di condivisioni.

Ti potrebbe interessare anche-> Alberto Angela, le sue parole emozionanti sulla libraia Enza

Quello che forse non tutti sanno è che il divulgatore scientifico, da bambino, non era esattamente quello che si definisce uno studente modello. Lui si è difeso, sottolineando che erano altri tempi, in cui era più facile essere bocciati, ma il conduttore di ‘Ulisse’ e altre trasmissioni cult non avrebbe superato l’esame di quinta elementare.

Ti potrebbe interessare anche-> Alberto Angela, l’incredibile scoperta: “Sono davvero contento”

Perché Alberto Angela venne bocciato in quinta elementare?

Qualche anno fa, è stato proprio il padre Piero, in un’intervista televisiva, a confessare questo dettaglio inedito sulla giovinezza del figlio: “Alberto è stato bocciato in quinta elementare. Se uno non fa bene deve essere punito”. Quindi ha proseguito chiarendo che quella bocciatura fu davvero uno stimolo per il bambino: “Oggi si tende a dare la colpa agli insegnanti. Se un alunno non va bene è giusto che ripeta l’anno. Ad Alberto la bocciatura è bruciata molto, ma gli ha innescato una spirale virtuosa”.

“Era una scuola molto rigida, non è che sono stato bocciato perché non studiavo” – ha tenuto comunque a puntualizzare successivamente Alberto Angela in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ – “Era stato molto complicato, avevo fatto un esame e sono stato bocciato per un punto”. Un aneddoto dal passato del divulgatore scientifico che visto adesso fa davvero sorridere, ma all’epoca sicuramente in casa Angela quella bocciatura non venne vissuta in maniera così serena.