Incidente mortale A14: chi sono le due vittime dello schianto

0
208

Scioccante incidente mortale A14: chi sono le due vittime dello schianto all’altezza di Gradara, il dramma nella notte tra sabato e domenica.

(screenshot video)

Ancora una notte di sangue sulle strade italiane: stavolta a restare uccisi sono due volontari molto attivi nell’Enpa, l’ente a protezione degli animali. Intorno alle 5.30 infatti l’autostrada A14 è stata al centro di un incidente gravissimo che ha coinvolto due tir e un furgoncino. Le vittime erano a bordo di quest’ultimo.

Leggi anche -> San Giovanni in Fiore: auto precipita da 20 metri, muore giovane di 28 anni

Lo schianto è avvenuto all’altezza di Gradara, in provincia di Pesaro Urbino, non lontano dal confine tra Marche ed Emilia Romagna. Le vittime di questo tragico scontro notturno sono una donna di 63 anni, Elisabetta Barbieri, e un uomo di 47 che si trovava con lei, anche lui coinvolto nell’Enpa.

Leggi anche -> Incidente mortale in A14: Luca muore a soli 13 anni

La dinamica dell’incidente mortale in A14: chi sono le vittime e il cordoglio

A quanto pare, i due volontari, entrambi di origine settentrionale, erano partiti da San Severo, in provincia di Foggia. Stavano trasportando dei cuccioli di cani e gatti verso il Nord Italia, quando sono stati coinvolti nel tragico e mortale schianto. I due staffettisti dell’Enpa sono di fatto morti sul colpo: all’arrivo dei soccorsi ne è stato possibile solo constatare il decesso. Tra i cuccioli, non ce l’ha fatta un pastore tedesco, mentre sono molte le gabbie finite sull’asfalto.

La bontà di un camionista di passaggio ha permesso, una volta liberata la carreggiata, di far proseguire il viaggio verso il Nord Italia ai cuccioli sopravvissuti. Alcune fonti parlano di una terza persona deceduta. Grande il cordoglio da parte dell’Enpa per quanto accaduto. In particolare Elisabetta Barbieri era una delle più attive all’interno dell’associazione, non solo a livello locale. La presidente nazionale Carla Rocchi ne ricorda in queste ore l’impegno “sincero, costante e disinteressato”.