Anna Esposito: il giallo della donna caduta dal balcone

0
229

Anna Esposito: il giallo della donna caduta dal balcone

Anna Esposito

Ci troviamo a Torre Annunziata, Anna Esposito cade dal balcone, la Procura riapre le indagini sulla sua presunta morte. Il giallo riprende la telefonata prima di morire, circa la presenza di un altro uomo nella vita della vittima.

La procura di Torre Annunziata ha riaperto la indagini sulla morte di Anna Esposito, la donna ha perso la vita dopo essersi lanciata dal secondo piano della sua abitazione, lo scorso 23 Novembre in Corso Garibaldi.

La famiglia non si è data per vinta, si è rivolta alla trasmissione Chi l’ha Visto, per esporre tutti i dubbi sulla scomparsa di Anna. Nella scorsa settimana è stata presentata la denuncia alla Procura, la quale vuol fare luce sull’accaduto.

Mia sorella non si sarebbe mai lanciata giù dal balcone, per fortuna hanno deciso di riaprire le indagini e siamo già stati ascoltati io, mio padre Ciro e i miei fratelli Nicola e Gelsomina.”

Anna Esposito, il giallo della telefonata e cosa c’è dietro la vicenda

I controlli sulle ultime chiamate di Anna sono stati effettuati dagli inquirenti in maniera repentina. Una chiamata ha attirato l’attenzione : “Dal tabulato risultava una telefonata fatta da mia sorella alle 18.24 del 23 Settembre, alla vecchia farmacia dove lavorava suo marito, questa è durata 23 secondi.”

>>>>>>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: “Chi l’ha visto?”: nuove testimonianze sul caso di Valentina Ferrari

I datori di lavoro sono stati contattati dalla trasmissione di Rai3, i quali hanno negato tutto aggiungendo che non hanno né visto o sentito l’uomo per più di un anno.

Ci sono altri sospetti e buchi neri nel caso, Gelsomina, la sorella si Anna, parla di una probabile altra persona nella vita di sua sorella: “Lei con me si confidava, a suo marito gli voleva bene, ma non lo amava. Il suo cuore era per un altro e sono pronta anche a dirlo in faccia a mio cognato.”

Il dramma è avvenuto dopo le 22 nel centro di Torre Annunziata, la triste vicenda ha avuto luogo in corso Garibaldi, una strada del centro storico che mette in collegamento anche una parte di corso Vittorio Emanuele III.

Anna Esposito secondo una prima indagine è precipitata dal balcone di casa, l’impatto è stato troppo fatale causandone la morte istantanea. Sul luogo sono giunti i soccorsi e le forze dell’ordine, ma sfortunatamente era già troppo tardi, i sanitari del 118 non hanno potuto far altro che constatare il decesso immediato. Si sono soffermati ad ascoltare le testimonianze dei vicini e parenti, proprio per ricostruire la dinamica dell’incidente.