Mondiali Cortina, chi è Matteo Marsaglia: carriera e successi

0
138

Mondiali Cortina, chi è Matteo Marsaglia: carriera e successi

Matteo Marsaglia, l'origine del campione e i suoi successi
Matteo Marsaglia, l’origine del campione e i suoi successi

Matteo Marsaglia, parteciperà ai Mondiali di Cortina. Nasce a Roma, inizia a praticare ginnastica artistica e tennis, sua madre Roberta cercò di avviare lo sport del tennis si a Matteo che a sua sorella, ma il figlio decise di seguire le orme del padre Andrea, maestro e allenatore di sci.

Sin da giovane Matto mette in mostra le sue abilità e doti vincendo tanti podi, tra le vittorie più importanti ci sono il Trofeo Topolino del 2000 nella specialità gigante categoria Allievi.

Esordisce in gare riconosciute dalla FIS il 22 Gennaio del 2020, arrivando come 62° nello slalom a Tignes. Due anni dopo conquista tre medaglie ai Campionati juniores.

Mentre nel 2003 diventa campione italiano di categoria supergigante, nello stesso anno prova l’ebbrezza di partecipare a gare sia in Coppa Europa che in Coppa del Mondo, debuttando il 3 Febbraio del 2008 nella supercombinata in Francia.

Nel 2009 strappa il successo in Coppa Europa, vincendolo proprio in casa esattamente a Tarvisio. Due anni dopo esordisce ai Campionati Mondiali qualificandosi come 15° nel supergigante, mentre diventa campione nazionale discesa libera sulla pista di La Thuile.

Il 1° Dicembre 2012 conquista la prima vittoria e podio nella Coppa del Mondo, sul supergigante, precedendo il campione Aksel Lund Svindal e l’austriaco Hannes Reichelt. Nello stesso anno prende parte ai Mondiali di Schladming, dove si classifica 11° nel supergigante e 28° nella supercombinata. Nei Giochi Olimpici invernali a Pyeongchang 2018 si classifica 20° nel supergigante.

>>>>>>>>>> POTEBBE INTERESSARTI ANCHE: Mondiali Cortina, chi è Francesca Marsaglia: carriera e successi

Mondiali Cortina, Matteo Marsaglia la passione per la discesa

Grazie al suo bagaglio d’esperienza Matteo Marsaglia è riuscito a capire la sua vera vocazione a aspirazione circa lo sci alpino.

Mi sento più disceista che supergigantista, dieci anni fa mi sentivo più forte in SuperG, invece in discesa in questi ultimi anni stanno facendo girare un filo in più.

Mi sento bene, evidentemente è cambiata la tendenza, con il materiale ho le idee più chiare. In supergigante mi manca qualche chilometro e la schiena si fa sentire.

La neve è sicuramente migliorata, non è ancora la neve a noi più gradita, spero che con un’altra notte di sereno si possa lucidare la neve ancora un attimo. Fare un bel supergigante sarebbe buono per rientrare nei trenta, poi vedremo con la discesa.”

Matteo Marsaglia proverà a riconquistare il podio e la forma in vista del suo quinto campionato mondiale che si terrà a Cortina, soprattutto vorrà dimostrare di che pasta è fatto, può ancora ottenere qualcosa di importante e sfruttare il talento che gli rimane per la discesa.