Mondiali Cortina, chi è Francesca Marsaglia: carriera e successi

0
507

Mondiali Cortina, chi è Francesca Marsaglia: carriera e successi

Francesca Marsaglia, gli infortuni e la sua carriera
Francesca Marsaglia, gli infortuni e la sua carriera

Francesca Marsaglia parteciperà ai Mondiali di Cortina, dopo anni di difficoltà nell’ultima stagione, la sciatrice azzurra ha fatto capire che è di nuovo in ottima forma. Il podio conquistato a Lake Louise è l’inizio della sua risalita.

Francesca Marsaglia nasce a Roma il 27 Gennaio 1990, sorella di Matteo Marsaglia a sua volta sciatore di alto livello. Francesca viene tesserata per il Centro Sportivo Esercito ed entra a far parte della nazionale femminile dal 2007. Esordisce il 1° Dicembre 2005 ottenendo il 35° posto nello slalom gigante in Francia.

Il 9 Febbraio 2008 debutta in Coppa del Mondo, in Italia qualificandosi 41° in discesa libera. L’anno dopo ottiene un piazzamento migliore nel campionato Juniores conquistando il 5° posto.

Si qualifica al primo posto in Coppa Europa, e al secondo posto in discesa libera sempre in Italia il 24 Febbraio. Il 21 Gennaio 2010 vice la sua prima Coppa Europa nel supergigante, a Sankt Moritz.

Francesca Marsaglia e la caduta ai Mondiali Cortina

Una brutta caduta è tantissima paura per Francesca Marsaglia, che durante la discesa in coppa del mondo è rimasta a terra per poi rialzarsi zoppicante. L’atleta ha inforcato la penultima porta rimanendo a terra dolorante, sfondando il telo della porta, per poi scivolare contro i gonfiabili.

Sono stati attimi di timore,soprattutto per le sue condizioni le quali sembrano poco gravi dato che l’atleta italiana è riuscita a rialzarsi subito dopo. Troppe apprensioni per le condizioni di Francesca che fortunatamente non ha subito gravi conseguenze dopo la sua caduta, taglia il traguardo a faccia in giù delusa da sé stessa.

A risollevare il morale della giornata ci ha pensato Marta Bassino che all’ultimo intermezzo era dietro di 39 centesimo per poi chiudere seconda a 0.16 da Lara Gut Behrami.

La preparazione dai Mondiali di Sci Alpino

L’atleta dopo un lungo periodo di pausa si è allenata per riuscire a partecipare ai Mondiali Cortina e cercare di strappare il podio: “Abbiamo di fatto saltato le vacanze, il nostro sporto non è toccato tanto da questo brutto periodo, ho iniziato la terza settimana di allenamenti a secco.

In questo modo ho avuto tempo di stare in cucina, non ho molta pazienza di solito e anche poco tempo, mi sono presa un mese di vacanza ed ho avuto modo di sperimentare nuove cose in cucina.”

>>>>>>>>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Mondiali Cortina, chi è Marta Bassino: carriera e successi

Francesca è romana, ma vive in Piemonte: “Essere romana e andare bene sugli sci è il mio motivo di orgoglio, ho due genitori che ci hanno fatto provare qualsiasi sport.

Mamma era allenatrice di tennis, mentre papà di sci, quando ci siamo trasferiti in Piemonte mia madre pensava fosse stato solo per 2 o 3 anni, adesso viviamo qui da 20 anni.

Mio padre lavorava nel ghiacciaio di Les des Alpes, quando ero a Roma era davvero difficile conciliare lo sci con la scuola.”

Durante la sua carriera purtroppo ha dovuto affrontare tanti infortuni, ecco le sue parole a riguardo: “Mi reputo una ragazza fortunata, forse perché ho un esempio come mio fratello Matteo che è stato molto sfortunato.

Fino a tre stagioni fa, non mi ero mai fermata, poi è arrivato tutto insieme come una valanga. Non era un infortunio classico da sciatrice, ad un certo punto facevo fatica a muovermi anche nella vita di tutti i giorni.

Ho passato due anni terribili, mi hanno insegnato tanto in compenso. Mi sono fermata e ho incominciato a riflettere su ciò che avevo fatto in precedenza. Troppo spesso sono severa con me stessa, e non apprezzo i miei traguardi.” Riguardo questo capitolo la sciatrice si sofferma di più approfondendo il suo pensiero: “Per me è più duro il recupero mentale. Collaboro con Giuseppe Vercelli, un mental coach, che per fortuna non ne ho mai avuto molto bisogno. Mi basta avere qualcuno con cui parlare e mi rispondo, ho i miei punti di riferimento.”