Domenica Live, dal campo profughi al successo: la scalata di Rita Rusic

0
118

Dopo qualche settimana di assenza dal piccolo schermo torna in televisione Rita Rusic la popolare modella, attrice e produttrice cinematografica sarà ospite di Barbara D’Urso a Domenica Live.

Dopo qualche settimana di assenza dal piccolo schermo torna sulla televisione italiana Rita Rusic la popolare modella, attrice e produttrice cinematografica sarà ospite di Barbara D’Urso nell’edizione di San Valentino di “Domenica Live”.

Rita Rusic, dopo anni alla guida dell’impero cinematografico dell’allora marito, Mario Cecchi Gori, si devono a lei scelte di immenso successo come il film Premio OscarLa vita è bella” di Roberto Benigni ed “Il ciclone”, il film che rivelò Leonardo Pieraccioni da qualche anno è alla guida della The Rita Rusić Company fondata con la sorella Leika.

Rita Rusic ospite di Domenica Live

Ma tutto questo non le impedisce di mantenere, a dispetto dei 60 anni suonati, un fisico da pin-up, spesso mostrato con generosità su Instagram e una presenza ancora attiva nel mondo dello spettacolo. La Rusic infatti è spesso ospite delle principali trasmissioni Mediaset e la presenza di oggi, in condivisione con Alba Parietti nella gioco della cinque sfere. Promette faville.

La permanenza nel Campo profughi

Ma, come ama ripetere la Rusic, non sempre è stato cosi. C’è stato un periodo della propria vita, quello a cavallo tra il 1964 e il 1967, quando tutto era davvero molto difficile.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Barbara D’urso: Parla il figlio segreto di Claudio Villa

L’ex Signora Cecchi Gori, nata nel 1960 a Parenzo nell’Istria croata, allora ricompresa nel territorio della ex Jugoslavia, nel 1964 dovette trasferirsi con la sua famiglia per sfuggire alle persecuzioni del regime titino. Per ben tre anni visse in un campo profughi finché con l’avvio delle scuole dell’obbligo grazie ai servizi sociali del Comune di Busto Arsizio si trasferì nella città dalla quale ha successivamente spiccato il volo fino ai successi odierni. Un passato che, per sua stessa ammissione, “non dimentica mai”.