Cortesano: Deborah Saltori uccisa con un’accetta dall’ex marito

0
178

L’omicidio è avvenuto nel pomeriggio di oggi in una campagna in provincia di Trento. La vittima aveva 42anni ed era madre di 4 figli.

(Web)Ancora un ennesimo femminicidio in Italia, il decimo dall’inizio di questo 2021. A perdere la vita questa volta per mano dell’ex marito è stata Deborah Saltori, una giovane di 42 anni madre di 4 figli. Lorenzo Cattoni, 39 anni, l’ha uccisa con un’accetta colpendola alla carotide, in una campagna di Cortesano, in provincia di Trento, dove stava lavorando. L’uomo si trovava agli arresti domiciliari a casa dei suoi genitori a Nave San Rocco ma aveva comunque dei permessi speciali per lavorare.

Leggi anche -> Porto Viro, lite in famiglia: 29enne uccide il padre a martellate

Cortesano: Deborah Saltori uccisa con un’accetta

La comunità di Cortesano, piccola frazione di Trento, è scioccata per quello che è accaduto nelle ultime ore. Verso le 15:30 di questo pomeriggio, 22 febbraio, Lorenzo Cattoni, 39 anni e imprenditore agricolo della zona, ha ucciso barbaramente con un’accetta la sua ex compagna Deborah Saltori, di anni 42. Dopo il terribile gesto, l’uomo ha cercato di togliersi egli stesso la vita ma è stato salvato da un passante che ha lanciato l’allarme. Soccorso da due ambulanze e trasportato con l’elisoccorso al Santa Chiara, le sue condizioni appaiono gravissime con delle funzioni vitali fortemente compromesse. Per la vittima, invece, non c’è stato nulla da fare; all’arrivo dei soccorritori era infatti già morta. Lascia 4 figli, di cui 3 avuti da una precedente relazione.

Leggi anche -> Padova, lavoratore dello spettacolo si suicida. Da un anno era senza lavoro

L’omicidio è avvenuto in una campagna in provincia di Trento, in cui l’uomo stava lavorando. Deborah si è recata sul posto, forse abboccando ad una trappola dell’uomo, trovando la morte. L’epilogo di una lunga storia di violenze e maltrattamenti: Cattoni, infatti, era stato già arrestato alcuni mesi fa per violenza domestica nei confronti della sua compagna. Attualmente stava scontando i domiciliari presso la casa dei suoi genitori a Neve San Rocco, ma aveva dei permessi speciali per uscire e lavorare.