Henry Louis Wallace, chi è il serial killer di Charlotte

0
279

Classe 1965, Henry Louis Wallace, noto anche come “The Taco Bell Strangler”, è un serial killer che ha ucciso dieci donne a Charlotte.

(screenshot video)

Tra gli episodi di Storie criminali, in onda sul Nove, uno di quelli che sicuramente ha sconvolto il pubblico è quello intitolato Un nemico alla porta. Racconta del serial killer Henry Louis Wallace, nato a Barnwell, nella Carolina del Sud, e cresciuto con sua madre, un’operaia tessile. La sua è stata un’adolescenza normale, quasi da primo della classe.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Annie Le, studentessa uccisa delitti a circuito chiuso: il drammatico caso

Ha frequentato la Barnwell High School, dove è stato eletto al consiglio studentesco ed era un cheerleader. Dopo essersi laureato nel 1983, Wallace è diventato un disc jockey per una stazione radio Barnwell. Wallace ha frequentato diversi college prima di entrare nella Marina degli Stati Uniti nel 1985. Ha sposato la sua fidanzata del liceo, Maretta Brabham, quello stesso anno, e nel 1992 è stato congedato con onore dalla Marina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Casey Anthony, la mamma più odiata degli Usa: omicidio irrisolto

Gli orrendi delitti di Henry Louis Wallace, il serial killer di Charlotte

Sembrava dunque una vita normale la sua. Ma dietro quella normalità si nascondeva un mostro. Durante il suo periodo in Marina, iniziò a usare diverse droghe, incluso il crack. A Washington, ha ricevuto mandati per diversi furti con scasso all’interno e nei dintorni dell’area metropolitana di Seattle. Nel gennaio 1988, Wallace è stato arrestato per aver fatto irruzione in un negozio di ferramenta. Due anni dopo inizia la sua tremenda sequenza di morte. L’8 marzo 1990 uccise Tashanda Bethea, una studentessa della Barnwell High School. Ha poi scaricato il suo corpo in un lago nella sua città natale. Solo molto tempo dopo gli verrà addebitato anche quel delitto.

Nel novembre 1991 si è trasferito a Charlotte, nella Carolina del Nord. Qui ha trovato diversi lavori saltuari, quindi nel maggio 1992 il suo secondo delitto: ha ucciso Sharon Nance. Si tratta di una prostituta che Wallace ha picchiato a morte, poi ha lasciato cadere il suo corpo sui binari della ferrovia. È stata ritrovata pochi giorni dopo. Nel giugno 1992, ha violentato e strangolato Caroline Love nel suo appartamento, poi ha scaricato il suo corpo in una zona boscosa. La vittima era un’amica della sua fidanzata. I resti del suo corpo vennero trovati nel marzo 1994.

Perché stato ribattezzato lo strangolatore di Taco Bell?

Il 19 febbraio 1993, Wallace strangolò Shawna Hawk a casa sua dopo averla violentata per la prima volta e in seguito andò al suo funerale. La vittima aveva lavorato con lui a Taco Bell e qualche tempo dopo, nel marzo 1993, la madre della giovane, Dee Sumpter, e la sua madrina Judy Williams fondarono Mothers of Murdered Offspring, un gruppo di sostegno con sede a Charlotte per i genitori di ragazzi assassinati. Il 22 giugno Wallace ha violentato e strangolato la sua collaboratrice e manager di Taco Bell Audrey Spain. Il suo corpo è stato ritrovato due giorni dopo. Proprio per il fatto che i delitti avevano come vittime sue colleghe di lavoro, venne ribattezzato in seguito lo strangolatore di Taco Bell.

Il 10 agosto 1993, Wallace violentò e strangolò Valencia M. Jumper, studentessa universitaria di 21 anni della Columbia, S.C. – un’amica di sua sorella – poi le diede fuoco per coprire il suo crimine. Un mese dopo, la notte del 14 settembre 1993, andò nell’appartamento di Michelle Stinson, una studentessa universitaria in difficoltà e madre single di due figli piccoli, di uno e tre anni. L’ha violentata e uccisa davanti agli occhi del maggiore dei due figli. Il 4 febbraio 1994 Wallace fu arrestato per taccheggio, ma la polizia non aveva stabilito un collegamento tra lui e gli omicidi. Il 20 febbraio 1994, Wallace violentò e strangolò Vanessa Little Mack nel suo appartamento. L’8 marzo 1994, Wallace ha rapinato, violentato e strangolato Betty Jean Baucom. Lo stesso giorno, ha ucciso Brandi June Henderson, una studentessa e casalinga, mamma di un neonato, approfittando del fatto che il compagno della donna fosse andato al lavoro.

L’arresto del serial killer

Wallace è stato arrestato il 13 marzo 1994. Per 12 ore, ha confessato l’omicidio di 10 donne a Charlotte. Ha poi confessato l’undicesimo omicidio commesso prima di trasferirsi a Charlotte. Ha descritto in dettaglio, le apparizioni delle donne, come ha violentato, derubato e ucciso le donne e la sua abitudine al crack. Il capo della polizia di Charlotte si è congratulato per l’arresto di Wallace, rassicurando la comunità che le donne di East Charlotte erano al sicuro. Tuttavia, molti nella comunità nera della zona hanno criticato la condotta della polizia durante le indagini, accusandoli di trascurare gli omicidi di donne nere. Il capo della polizia di Charlotte, Dennis Nowicki, aveva detto di non essere a conoscenza di un assassino fino all’inizio di marzo 1994, quando tre giovani donne di colore furono assassinate a quattro giorni l’una dall’altra. Il dipartimento di polizia di Charlotte-Mecklenburg si è scusato con i suoi residenti per non aver individuato prima un collegamento tra gli omicidi.

Il processo contro il serial killer è iniziato nel settembre 1996. Nelle argomentazioni iniziali, il pubblico ministero Marsha Goodnow ha sostenuto la pena di morte, mentre l’avvocato difensore Isabel Day ha chiesto l’ergastolo, sostenendo che Wallace soffriva di malattie mentali e che le uccisioni non erano omicidio di primo grado perché non derivano da “premeditazione e deliberazione”. Il 7 gennaio 1997, Wallace è stato dichiarato colpevole di nove omicidi. Tre settimane dopo, è stato condannato a morte. Da allora, si trova nel braccio della morte in attesa di essere giustiziato. Il 5 giugno 1998, Wallace ha sposato un’ex infermiera della prigione, Rebecca Torrijas, in una cerimonia accanto alla camera delle esecuzioni dove è stato condannato a morte. Porta avanti una battaglia legale per evitare di finire sulla sedia elettrica, ma nel 2005, il giudice della Corte superiore Charles Lamm ha respinto l’ultimo appello di Wallace per annullare la condanna alla pena capitale.