Lous and the Yakuza: vero nome, carriera, Sanremo 2021, collaborazioni

0
378

Tutto quello che c’è da sapere su Lous and the Yakuza: vero nome, carriera, Sanremo 2021, collaborazioni in Italia e successo.

(Anthony Ghnassia/Getty Images for Dior)

Congolese di nascita, figlia di genitori medici, padre ginecologo e mamma ruandese, Lous and the Yakuza – classe 1996 – da quando è diventata maggiorenne ha preso la cittadinanza belga. La sua non è stata un’infanzia facile: sua mamma, a causa della sua etnia ruandese, è stata in prigione per due mesi durante la seconda guerra del Congo. All’epoca aveva solo due anni.

Leggi anche -> Sanremo 2021: svelati i duetti e le cover della terza puntata

Nel 2000, per la prima volta la sua famiglia si trasferisce a Bruxelles, poi dopo un breve ritorno in Ruanda fa la scelta definitiva di andare a vivere in Belgio. Siamo nel 2011: la futura cantante da hit parade è un’adolescente e si chiama Marie-Pierra Kakoma. Il suo nome d’arte è molto particolare: Lous è semplicemente l’anagramma del termine Soul, mentre la Yakuza, come noto, è un’organizzazione criminale operante in Giappone.

Leggi anche -> Sanremo 2021, un palloncino fallico si intravede in platea è subito scandalo

Il successo di Lous and the Yakuza: il rapporto con l’Italia e Sanremo 2021

Nel caso specifico The Yakuza è belligerante solo nel nome: si tratta della sua “crew”, una band a geometria variabile composta da ballerini, musicisti e dal produttore El Guincho. Ha solo 19 anni quando esordisce, scoperta da Miguel Fernandez, manager della Sony, che ascolta online alcuni suoi brani. Grazie alla grande popolarità nella scena underground belga, dopo un paio di anni firma il primo contratto con una major, la Columbia Records. Nell’estate 2018, insieme al duo di musica elettronica BSSMNT, realizza il brano Le redicule ne tue pas.

Da lì a un anno escono i primi singoli di successo firmati Lous and the Yakuza, il primo dei quali è Dilemme, nel settembre 2019. Qualche mese dopo, il brano viene remixato da Tha Supreme e Mara Sattei, iniziando dunque a spopolare anche in Italia. Nell’autunno 2020, esce Gore, il primo album, e a febbraio 2021 viene annunciata la sua partecipazione al Festival di Sanremo: si esibisce in duetto con Gaia in una versione originale di Mi sono innamorato di te di Luigi Tenco. Sempre a febbraio, esce il singolo Je ne sais pas, un featuring con Sfera Ebbasta.