Chi è Lorenzo Zorzi, il noto manager milanese padre di Tommaso

0
1339

Chi è Lorenzo Zorzi, il manager milanese padre di Tommaso Zorzi, vincitore del Grande Fratello Vip 2020

Lorenzo Zorzi
screenshot

Lorenzo Zorzi è il padre di Tommaso Zorzi, il vincitore dell’edizione 2020 del Grande Fratello Vip. La famiglia di Tommaso è in questo momento sotto i riflettori data la vittoria del giovane al noto format televisivo.

Leggi anche -> Dayane Mello fidanzata? “Inizia per L.”, mistero sull’ex gieffina

Chi è Lorenzo Zorzi

Classe 1964, Lorenzo Zorzi è un affermato manager milanese. Lorenzo dopo aver conseguito la laurea in Discipline Economiche e Sociali presso l’Università Bocconi di Milano ha iniziato la sua carriera come consulente presso numerose società sia nazionali che internazionali.

La carriera di Lorenzo Zorzi è avanzata rapidamente, il manager è arrivato presto a ricoprire le cariche più alte, come quella di Digital e Innovation Manager. Attualmente Lorenzo ricopre il ruolo di Senior Manager per Mondora SRL Lab. Si tratta di una società che si occupa di informatica e di software.

Lorenzo Zorzi è stato sposato con Armanda Frasinetti, madre dei suoi due figli Tommaso e Gaia Zorzi. Il matrimonio è finito quando i figli erano adolescenti. Non sappiamo altro sulla vita privata di Lorenzo, il manager non ha profili social se non quello professionale di LinkedIn.

Il rapporto con il figlio Tommaso

Da quanto è emerso dai racconti di Tommaso durante l’esperienza al Grade Fratello Vip, il rapporto tra padre e figlio si sarebbe incrinato proprio a causa della rottura di Lorenzo con Armanda. Tommaso ha descritto il suo come il “padre migliore del mondo”, questo fino a che non c’è stata la separazione dei genitori e quindi la rottura del cerchio familiare. Adesso Tommaso vede il padre 3 o 4 volte all’anno, al contrario della madre a cui è molto legato.

Durante il Grande Fratello Vip, Tommaso ha più volte manifestato che la mancanza e la lontananza del padre lo hanno segnato. “Non poter contare su una figura di padre, per me ha significato non fidarmi degli uomini. Io faccio fatica a normalizzare il rapporto con gli uomini. Ed è una cosa che da gay vuol dire: non avere relazioni. Vado dallo psicologo, ho amici uomini ma sono rapporti che coltivo da anni. Cerco il nido“.