Tragico incidente a Modugno: muore bimbo di 18 mesi investito dal padre

0
686

Modugno incidente, tragedia nella città pugliese ieri sera, un bimbo di 18 mesi è stato investito dal padre mentre era in manovra. Inutile la corsa al Pronto Soccorso

modugno incidente bimbo 18 mesi

Terribile tragedia accaduta ieri sera a Modugno, in provincia di Bari. Un bimbo di 18 mesi, di nazionalità cinese, è morto dopo essere stato investito dall’auto del padre che stava facendo una manovra.

Secondo alcuni testimoni, l’accaduto si sarebbe verificato in una vasta area di parcheggio. L’uomo, che stava svolgendo delle manovre in retromarcia, non si sarebbe reso conto della presenza del figlio.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Incidente stradale SS 107: una vittima e tre feriti

Modugno Incidente, inutile la corsa al Pronto Soccorso: muore bimbo di 18 mesi

E’ stata concitata e inutile la corsa al Pronto Soccorso del pediatrico Giovanni XXII. Il bimbo è deceduto, senza che i medici potessero fare nulla per salvarlo, a causa delle ingenti ferite riportate durante l’impatto con l’automobile.

I Carabinieri, coordinati dal pm in servizio Lanfranco Marazia, sono al lavoro per cercare di fare chiarezza sull’accaduto. Indagano anche attraverso la visione dei video registrati dalle telecamere di sorveglianza presenti nel area di parcheggio, queste potrebbero aver immortalato dettagli importanti e utili a ricostruire la dinamica esatta del terribile incidente. In aggiunta, nelle prossime ore, la Procura deciderà se procedere con l’autopsia sul corpo del bimbo.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Hillary, il dramma della donna: morta per proteggere i suoi figli

Nel corso del nefasto incidente erano presenti anche alcuni familiari che hanno subito ribadito più volte come il tutto sia successo per errore, e che il padre non si fosse reso minimamente conto che il figlioletto era dietro l’automobile. Questa ricostruzione è stata utile per scacciare qualsiasi dubbio su un’intento premeditato da parte dell’uomo, anche se gli inquirenti aspettano ancora di visionare i filmati delle telecamere di video-sorveglianza.