Esanatoglia: trovata volpe uccisa, evirata ed impalata ad un albero

0
341

Ad Esanatoglia rinvenuta la carcassa di una volpe uccisa, evirata ed impalata ad un albero. LAC denuncia l’atroce gesto.

volpe uccisa

Ad Esanatoglia, in provincia di Macerata, è stato rinvenuto il corpo di una volpe uccisa, evirata ed impalata ad un albero. L’animale è stato trovato in zona Chiusa, alle pendici del locale crossodromo. Un gesto disumano.

Leggi anche -> Milano, donna di 41 anni uccide la figlia di due anni: l’accaduto

Si tratta di un esemplare adulto di volpe, che probabilmente è stato ucciso per avvelenamento. L’animale è stato anche evirato dei propri genitali che gli sono stati messi in bocca. Il cadavere è stato poi impalato ad una pianta situata al ciglio della strada, in modo da poter essere visto da chi vi transitasse.

La segnalazione del ritrovamento dell’animale è arrivata alla Lega per l’abolizione della Caccia che ha subito informato la sezione di Fermo del CRAS Marche che provvederà al recupero della carcassa ed all’eventuale esame necroscopico volto all’accertamento delle cause esatte della morte.

La Lega per l’abolizione della Caccia ha provveduto inoltre a denunciare ai Carabinieri Forestali questo orrendo sopruso. Per l’uccisione degli animali senza che vi sia necessità, è prevista la pena della reclusione da 4 mesi a 2 anni (art. 544 bis c.p.). In questo caso si configura anche l’aggravante delle sevizie e della crudeltà gratuita.

Sul profilo Facebook della Lega per l’abolizione della Caccia, nel post che informa su questa triste vicenda si legge “Come LAC e LAV Marche chiediamo ai Carabinieri Forestali di indagare sul gravissimo episodio, in quanto la particolare crudeltà e l’efferatezza del gesto indicano che l’autore della macabra uccisione, che si presume risieda non distante dal luogo del rinvenimento della volpe, possa essere una persona disturbata psichicamente e quindi potenzialmente pericolosa anche per la collettività”.

Lac contro il piano regionale di controllo della volpe

Nello stesso post la Lega per l’abolizione della Caccia informa che, riguardo alla regione Marche, è stato fatto ricorso al TAR contro il piano regionale di controllo della volpe. Il ricorso è stato fatto assieme a LAV, ENPA e la Lupus in Fabula. La Camera di Consiglio si terrà il prossimo 10 marzo.