La morte di Valeria D’Esposito: il vaccino anti Covid non è arrivato in tempo

0
974

Un grave lutto ha colpito il mondo del giornalismo italiano, alle prime ore del mattino di oggi, martedì 9 marzo, è arrivata la morte di Valeria D’Esposito la popolare blogger ideatrice e curatrice del seguitissimo Visit Campania, attendeva da giorni il vaccino anti Covid.

Morte Valeria D'Esposito vaccino Covid

Un grave lutto ha colpito oggi il mondo del giornalismo e della blogosfera legata al food e al turismo. E’ morta all’età di 49 anni la popolare ideatrice e curatrice di Visit Campania il blog di riferimento del settore, ideato 11 anni fa dalla D’Esposito.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Morto il giornalista e conduttore Larry King: era stato ricoverato per Covid

Valeria D’Esposito dal 15 febbraio era stata colpita dal Covid. Era stata lei stessa con un post sull’account Instagram di Visit Campania, oltre 10 followers, a comunicare il contagio.

L’ultimo post Instagram di Valeria D’Esposito

“Ho contratto il C.scriveva il 22 febbraio Valeria D’Esposito senza citare la malattia, quasi come una forma di pudore Tachipirina, cortisone, antibiotici e saturimetro da quasi una settimana sono i miei migliori compagni di viaggio” specificando che anche il compagno si era ammalato.

Nello stesso post la giornalista campana sottolineava come il Covid fosse arrivato all’improvviso come lo scoppio di una bomba” descrivendo i sintomi “stordimento, malore, dolore diffuso, abbattimento”.

“Scrivo queste righechiudeva la titolare di Visit Campaniatra una febbre e l’altra dopata di tachipirina e corticosteroidi. Respiro, mangio, prendo farmaci. La pandemia è ancora in corso, non rilassatevi”.

La morte di Valeria D’Esposito in attesa del vaccino anti Covid

Come ha spiegato il quotidiano “Il Riformista”, il primo organo di informaziona a rendere nota la ferale notizia, Valeria D’Esposito era in attesa della chiamata per il vaccino anti covid. Ma il demone del coronavirus l’ha colpita pochi giorni prima dell’appuntamento per assumere la dose che l’avrebbe protetta dal male. Un destino amaro e beffardo che priva il giornalismo italiano di una delle penne più lucide, ingegnose e creative in circolazione.