Morto il giornalista e conduttore Larry King: era stato ricoverato per Covid

0
239

Larry King, noto giornalista e conduttore statunitense, è deceduto a 87 anni. L’annuncio è arrivato da un post pubblicato nel suo profilo Twitter.

morto larry king
Dia Dipasupil/Getty Images

Il leggendario giornalista, commentatore radiofonico e conduttore televisivo degli Stati Uniti d’America, Larry King, è morto all’età di 87 anni. La notizia è stata resa nota tramite un messaggio pubblicato sul suo account Twitter ufficiale. King si trovava ricoverato al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles da alcune settimane dopo essere risultato positivo al Covid. La causa del decesso tuttavia non è stata divulgata. Sposatosi sette volte, lo scorso anno aveva perso due dei suoi sei figli.

Volto inconfondibile della televisione oltreoceano, nel corso della sua lunga carriera professionale, durata oltre 60 anni, aveva intervistato tutti i presidenti americani dal 1974 e numerosi altri leader politici mondiali, come anche tante celebrità. Nel 2010, dopo circa settemila puntate, aveva chiuso il suo storico talk show “Larry King Live”, riprendendo poco tempo dopo con una versione online del programma. Nel 2012 aveva dato vita al “Larry King Now” su Ora Tv, la rete digitale che aveva co-fondato.

Ti potrebbe interessare anche -> Giovane mamma morta: non va dal dentista per paura del Coronavirus

Addio a Larry King: il comunicato ufficiale

Sull’account Twitter ufficiale del celebre giornalista è stato pubblicato un post con una sua foto accompagnata da lungo messaggio per dare notizia della sua morte. “Con immensa tristezza – si legge nel comunicato – Ora Media annuncia la morte del nostro co-fondatore e amico Larry King, passato a miglior vita questa mattina a 87 anni”.

Ti potrebbe interessare anche -> Napoli paura Coronavirus: ricoverato il cardinale Sepe

Il messaggio prosegue ricordando i 63 anni di carriera del giornalista, che attraverso radio, televisione e altre piattaforme digitali ha regalato centinaia di interviste, che resteranno un testamento del suo enorme talento. “Lui credeva nell’importanza delle domande brevi, che spesso portavano alle migliori risposte”, viene sottolineato, specificando che il suo lavoro rimarrà nella storia del 20esimo e 21esimo secolo. Il comunicato si conclude con le condoglianze di Ora Media. Le date dei funerali del celebre giornalista e conduttore statunitense saranno presto rese note.